lunedì 3 settembre 2012

Ecco perchè abbandonare un cagnolino è un atto disumano

Il sette luglio di quest'anno un mio vicino di casa di Villarbasse, un paese in provincia di Torino, ha trovato un piccolo cane bianco abbandonato in una cesta con i fratellini morti vicino. Lui non poteva tenerlo allora Simona (mia moglie) ed io lo abbiamo adottato. Qui di seguito ho immaginato una letterina scritta da Martina ai suoi fratellini. "La prima impressione. Voi, fratellini e sorelline, non avete mai aperto gli occhi quindi tante cose delle quali vi parlerò vi potranno sembrare strane ma credo che da lassù, dal paradiso dei cani, che poi, nonostante l’iniziale brutta esperienza, non immagino possa essere separato da quello degli umani, le possiate vedere addirittura prima di me. Spesso penso che siate stati voi ad aiutarmi ad aiutarmi a trovare i miei nuovi padroncini…cosa della quale vi ringrazio…anche se, a volte, è proprio difficile sopportarli. Vi ricordate quella notte calda in cui ci misero tutti insieme schiacciati in una cosa stretta? Avevamo paura, non vedevamo nulla, mi sembra ancora di sentire quel vento e quel rumore…lo stesso che adesso mi piace perché lo fanno delle cose che si chiamano auto dove mio papà e mia mamma mi portano spesso. Non so quanto tempo sia passato prima che voi mi iniziaste a guardare dal cielo ma mi ricordo cosa ho pensato in quel momento: ho sentito i vostri cuoricini smettere di battere l’uno dopo l’altro ed alla fine ho capito di essere rimasta sola. Quando sono riuscita ad aprire gli occhi vi ho visti ancora lì vicini a me, ho provato a svegliarvi leccandovi il muso ma … niente… voi gli occhi non li avete mai aperti. Era tutto buio, ogni tanto vedevo delle luci piccole che poi diventavano tanto grandi venirmi addosso, scappavo per non farmi schiacciare e vi tornavo vicino dove mi sembrava di essere al sicuro... solo lì riuscivo a sentire quell’odore che, vi ricordate, per poco tempo ci aveva fatto sentire a casa: quello della mamma. Ho capito che se fossi rimasta con voi nessuno mi avrebbe mai dato da mangiare ed io avevo tanta fame e tanta sete; raccolsi tutto il mio coraggio per lasciarvi di nuovo e correre verso quelle luci che mi facevano tanta paura…questa volta non mi sarei fermata, non sarei scappata, dovevo mangiare! “Sono piccola” dicevo “ ma se salto e tiro fuori tutta la mia voce posso diventare grossa grossa e qualcuna di queste luci mi aiuterà.” Così fu! Mi addormentai tra le braccia di un uomo, si, un uomo… mica sono tutti cattivi… che mi portò con sé: al momento pensai che volesse abbandonarmi anche lui perché mi lasciò in una stanza enorme, vicino alla cosa grossa dalla quale venivano le luci…quella che dopo ho imparato a chiamare auto. Non fù una bella serata, fratellini, avevo tanta paura, non sapevo dove mi trovavo e soprattutto non sentivo più il vostro odore nè quello della mamma; avevo comunque un bel po’ d’acqua fresca e del latte…io avrei desiderato qualcosa di più sostanzioso ma almeno non sarei morta di fame e sete. Ma è il giorno dopo che mi ha cambiato la vita! L’uomo buono che mi aveva aiutata, dopo avermi fatto molte coccole, mi fece capire che non avrebbe potuto tenermi con sé, io scodinzolavo più che potevo e gli davo mille leccatine per convincerlo ma…lui non poteva; ero tanto triste ed avevo anche paura quando lo vidi parlare con un tipo simpatico con uno strano coso in testa che più tardi capì che avrebbe messo quando andava sulla sua auto a due ruote…quello infatti sarebbe diventato il mio padroncino. Il tizio simpatico si avvicinò ed io mi misi con tutta la mia pancina rosa sottosopra per essere coccolata: lui mi diede qualche carezza ed un bacino che non dimenticherò poi se ne andò. “Qui si mette male” pensai. Tornò, dopo un po’ di tempo, ma non era ancora buio, era vestito strano con un’altra simpatica anche lei vestita strana…anche in questo caso ho capito solo dopo qualche tempo che Simona e Mario, quelli che sarebbero diventati la mia nuova mamma ed il mio papà, mettevano quei vestiti buffi per sedersi sopra ad un altro animale come me ma molto più grosso che chiamano cavallo. Ho capito subito che mi volevano bene ma erano un po’ pasticcioni: mi presero in braccio e guardavano il mio pancino rosa parlando di pisellini e patatine. Io proprio non ho capito cosa volessero dire ma so per certo che se la verdura che c’era sotto il mio pancino era un pisellino il mio nome doveva essere Poldo mentre se era una patatina Martina. Fu così che per il primo giorno mi chiamarono Poldo. A dire la verità il mio problema non era tanto a quale verdura assomigliare ma un grande prurito dappertutto che proprio non passava, mi grattavo sia con le zampine che con il muso sperando che capissero che non stavo bene e mi aiutassero…ce ne hanno messo ma alla fine ci sono arrivati! La mamma ha detto “va a comprarle qualcosa per le zecche e le pulci” ed io speravo che ‘ste zecche e ‘ste pulci fossero quelle che mi torturavano… più tardi ne ebbi la certezza ma prima il papà dovette combinarne ancora una: tornò infatti che era già buio dicendo che nel posto dove era andato aveva incontrato un signore che gli aveva detto di essere un medico della Folgore esperto di animali il quale gli aveva sconsigliato di darmi la medicina contro il prurito perché ero troppo piccola…”tutti io li trovo gli scienziati”…pensai. Alla fine il guerrafondaio si convinse a dare al papà la medicina ed io smisi di grattare; a quel punto ero stanca, mi sembra me ne fossero capitate abbastanza e sarei volentieri andata a dormire eppure dovetti capire da subito che i miei padroncini erano nottambuli ed avevano tanti amici… venni ancora portata in una bacinella da un tizio di nome Vito la cui casa era piena di odori buonissimi. La casa di Vito si chiama “ristorante” …. papà e mamma hanno tanti amici con la casa che si chiama così e tutti simpatici infatti mi danno sempre acqua fresca e pappa mentre aspetto. Mi misero finalmente a dormire in un posto simile a quello della sera precedente, dove tengono la macchina a quattro ruote e quella a due: dormivo bene lì e poi la casa mi piaceva perché c’era un giardino molto grande…anche adesso che ne ho girate tante è rimasta quella che preferisco. Il giorno dopo fu tranquillo, appena mi aprirono l’enorme portone ero talmente contenta di vederli che mi sono fatta la pipì addosso e sentivo dell’arietta uscire dal sederino...la pipì riuscivo a trattenerla quando ero in braccio al padroncino mentre l’arietta no, anche perché lui sembrava divertito ed allora io continuavo. Di giorno tutto mi sembrava più bello, il giardino era verde e fiorito e potevo correre dove volevo anche pipì e popò non erano un problema, quando avevo bisogno… culetto giù e pluf…in altri posti ho capito solo crescendo che non lo avrei potuto più fare. Il tempo passava sereno ed io giocavo fino al giorno successivo quando la mamma mi disse che mi avrebbe portato dal dottore. “E cos’è il dottore?” mi chiedevo. Il dottore era un tizio vestito strano anche lui, ma ormai ero abituata, che mi ha infilato un bastoncino nel sedere per poi osservarlo e dire “trentasette”, mi ha punto con un ago ed ha fatto il solito gioco dei pisellini e delle patatine ma questa volta ha vinto la patatina: quello è stato il momento in cui sono diventata Martina. Lì ho conosciuto tanti amichetti… chi faceva bau, chi miao e ce n’era addirittura uno chiuso dentro ad una scatola trasparente con dell’acqua che mi guardava con lo sguardo lesso. Il dottore disse alla mamma che avevo circa tre settimane e che avrebbe dovuto portargli la mia popò per analizzarla dopo quindici giorni: io allora gliela feci lì, su un tavolo freddo di ferro, ma non ho capito perché quella non andava bene…boh si vede che la voleva proprio di due settimane. Tornammo subito a Villarbasse, questo è il nome del paese dove si trova la mia casa…non è tanto lontano da dove ci hanno abbandonato ma è più bello perché ci sono tante piante e tanti prati; sto proprio bene in questa casetta e poi qui ho anche conosciuto i nonni. I nonni sarebbero papà e mamma dei miei padroncini: devono essere delle persone molto importanti perché Sissolina, questo è il soprannome di Simona, mi diceva sempre di fare la brava con loro e di far loro le feste. Ecco un’altra differenza tra noi ed il genere umano…noi non facciamo i complimenti né diamo il nostro amore per convenienza…noi sentiamo e capiamo i cuori e quando sappiamo di essere ben voluti allora non ci risparmiamo e diamo tutto il nostro affetto. I nonni sono davvero delle brave persone e ci adorano, io l’ho compreso subito e faccio sempre le feste quando li vedo. Per festeggiare la prima sera ci hanno portati al ristorante, sempre da Vito…dove però posso stare solo nel giardino…a me piace il giardino. Quella notte devo avere combinato un pasticcio: stavo facendo tanta nanna sempre nel garage, questo è il nome del posto dove lasciano le auto, sia quelle a quattro che quelle a due ruote, mi sono alzata dalla cuccia per andare a fare la pipì nel pannolone e di colpo ho sentito una sirena fortissima gridare. Subito è arrivato Mario a prendermi, sembrava preoccupato che mi fosse accaduto qualcosa, dopo poco ho visto arrivare una macchina con delle luci blu sulla testa dalla quale è sceso un signore vestito anche lui di blu con stivali e pistola al quale il nonno disse che probabilmente ero stata io a fare partire la sirena. “Io ho fatto solo pipì” ho pensato. “In garage non abbiamo scollegato il volumetrico e probabilmente è stato il cagnetto, muovendosi a fare scattare l’allarme.”disse sempre il nonno. “Io ho solo fatto pipì” continuavo a pensare. Quella notte ho dormito sotto il lettone dei nonni…si sta tanto bene sotto quel lettone! Comunque il giorno dopo sono arrivati degli altri signori a lavorare nella mia camera da letto il garage e, da allora, anche se mi alzo per fare pipì non succede niente. La mia prima impressione è stata quella di essere molto fortunata, si certo sarei potuta capitare anche da qualcuno che ne capisse un po’ più sul nostro genere così, magari, avrebbero visto prima che ero una patatina e soprattutto non avrei dovuto aspettare un giorno intero per cacciare le pulci. I miei padroncini, però, sono davvero felici di avermi trovata, è come se lo avessero sempre desiderato, io lo capisco, e mi riempiono di ogni attenzione…poi sono buoni e si vogliono bene tra di loro e vogliono tanto bene anche ai nonni…insomma proprio una famigliola simpatica…anche se, come vedrete, un po’ pasticcioni." TO BE CONTINUED Una giornata tipo in campagna. Quando siamo a Villarbasse mio papà e mia mamma si alzano sempre tardi, cari fratellini...e vanno a letto tardissimo! Io mi sono abituata ai loro orari, così, dopo la cenetta, mi faccio un riposino, di solito sulle gambe di papà o sul divano del salotto ... poi, però, mi sveglio con tanta voglia di giocare. Per farmi notare ho capito che devo fare un pò di rumore. Generalmente inizio a saltare sulle poltrone e sui divani...ma anche in testa alla mamma mordicchiandola senza farle male ( anche perchè mi è appena caduto il dentino davanti e mi brucia un pò). Se non basta scendo in giardino; il nonno ha tanti fiori in giardino ed io ho capito che se mi infilo nei vasi e faccio un grosso buco buttando tanta tanta terra in cortile Mario e Simona vengono a giocare: così ci rincorriamo con la pallina finchè non mi viene tanta nanna. Non dormo più con le macchine! Il mio posto, adesso, è ai piedoni del letto dei padroncini con la mia nuova amichetta Carolina: Carolina è morbida morbida, grossa un pò più di me e tanto buona perchè, anche se la mordicchio, non protesta. La mattina ci svegliamo tutti tardi, infatti il mio pancino spesso brontola dalla fame; quando i miei padroncini si alzano è bellissimo, a quel punto è tanto tanto tempo che non li vedo, è passata tutta la notte!Prima devo fare le feste! Salto sul lettone e lecco la faccia di papà e mamma...credo che a loro faccia piacere perchè ridono tanto! Subito dopo la mamma mi da la pappa e poi vado nel mio posticino in giardino a fare la popò...mi viene sempre la popò dopo la pappa! Un pomeriggio mi hanno portato a vedere la mamma a cavallo ma non mi è piaciuto. Mi faceva arrabbiare vedere la mia mammina tenere al guinzaglio quel coso grosso e fargli le coccole: "la mia padroncina deve coccolare solo me" pensavo! Il papà mi teneva col mio guinzaglietto mentre protestavo con tutte le mie forze... dovevo raggiungere la mamma e saltarle in braccio! Approfittando di un momento di distrazione sono riuscita a sfilarmi il collare ed allora via ...sono corsa più veloce che potevo verso la mamma. Il signore che stava nel recinto insieme a Simona voleva prendermi ma io lo schivavo e lui finiva sempre a faccia in giù nella popò di quel coso alto e grosso...anche il papà ci è finito dentro per cercare di acciuffarmi ma io sono un fulmine! Finalmente la mammina ha capito ed è scesa! Io le sono corsa in braccio riempiendola di coccole ma lei mi ha sgridato...pazienza tanto, quando si arrabbiano, poi, dopo poco, gli passa! LA PRIMA VOLTA IN TRAGHETTO IN SARDEGNA Quando vedo i miei padroncini preparare quelle grosse borse, e questo accade più o meno ogni tre giorni, cari fratellini, io sono felice perché so che mi portano sempre con loro. Un mesetto fa siamo partiti talmente carichi che la mia cuccetta era incastrata dietro ai sedili di papà e mamma e, dopo un pochino, siamo arrivati davanti ad una cosa tanto tanto grande che stava nell’acqua, praticamente era una grossa ciotola come quella che mi danno quando ho sete con dentro un affarone enorme chiamato nave che galleggiava simpatico. Appena saliti la mamma mi ha nascosto in una borsetta che portava a spalle ed un signore antipatico le ha detto subito che io non potevo stare sempre con loro e dovevo fare nanna nelle gabbiette riservate a noi. In quel posto c’erano tanti amici ma erano tutti infelici, piangevano e soffrivano perché avevano freddo ed erano lontani dai loro padroni; io pensai “qui non mi piacerebbe proprio stare” ma ero tranquilla perché sapevo quanto bene mi voglio Mario e Simona ed ero sicura che non mi avrebbero mai lasciata sola lì. Infatti non mi abbandonarono in quel brutto posto; la mamma mi ha infilato nella mia borsetta da viaggio ed ogni volta che tiravo fuori la testa me la rimetteva dentro mentre il papà che ci precedeva di qualche metro sembrava volere fare amicizia con tutti quei signori antipatici ma lo faceva solo per distrarli in modo che mammina ed io passassimo inosservati! Siamo riusciti ad entrare nella stanzetta dove il babbo aveva già messo il mio tappetino per la pipì e la popò; io avevo capito che quella era una situazione di emergenza ed allora stavo buonina buonina facendo tutti i bisognini sul pannolone, trattenevo perfino l’arietta fino a quando non c’e l’ho più fatta e pare che abbia fatto un odorino talmente forte che mamma e papà si sono nascosti sotto le coperte. Quel dondolo della nave mi piaceva così mi sono addormentata facendo dei sogni bellissimi però ogni tanto la mia mammina mi dava una spintina con la mano dicendo “Martina basta!”, pare che facessi ronf ronf, si perché io russo, non lo sapevate? La mattina ci siamo svegliati proprio presto,almeno per noi tre ed io avevo ancora tanto sonno, era notte ed anche il papà e la mamma non sembravano contenti di sentire quella voce che usciva da un buco del tetto e continuava a ripeterci che se volevamo fare colazione il bar era aperto; ci siamo ritrovati sulle scale insieme a tante altre persone tutte spettinate ed addormentate prima di raggiungere la nostra macchina che era incastrata tra un numero grossissimo di altri brum brum “capperini” ho detto “qui non usciamo più! Va beh faccio nannina!” Quando mi sono svegliata c’erano tanti odori nuovi ma la cosa più bella era vedere attorno a me umani più piccolini, quasi quasi non dovevo sforzarmi per guardarli bene che parlavano in modo strano finiva tutto in U!... casu, vinu, polpu, poltu. Quella vacanza è stata anche quella del mio primo bagnetto: ma vi confesso che se non fosse stato per la mia mammina non avrei avuto il coraggio di tuffarmi. La mamma si allontanava nel mare, quando l’acqua è tantissima si dice così, io stavo nella sabbia fuori e le gridavo di tornare da me ma visto che rimaneva sempre là ho raccattato tutto il mio coraggio e mi sono buttata “mammina, arrivo, aspettami”-pensavo- e lei non mi ha tradita, mi ha presa in braccio e siccome sotto avevo sempre tanta acqua allora io continuavo a nuotare già prima che mi rimettesse giù così quando mi ha pucciata di nuovo ero pronta; sgambettavo con tutte le mie forze, mi sembrava di correre nel cielo poi pluf Simona mi ha rimesso nel mare mentre il papà mi aspettava fuori con l’asciugamano pronto a strizzarmi. Non mi sono divertita ma non ero arrabbiata perché sapevo che lo facevano per me, volevano insegnarmi a nuotare! Certamente ero la prima a cui lo insegnavano perché sono sicura che ci sono modi più furbi! Ma pazienza loro sono la mia vita e io la loro, lo so e questo mi basta! Fuori dall’acqua, poi,c’era tanta gente ed io mi divertivo a scavare buche ma soprattutto mi divertiva sotterrare i signori che stavano per terra vicino al mio bucone, più era profondo più il signore era pieno di sabbia ma nessuno si arrabbiava perché ero simpatica a tutti. Adesso è tardi e devo andare a fare la nanna, fratellini, voi come state lassù?...Ah…dimenticavo di dirvi l’ultima cosa: la Sardegna è un posto bellissimo, quando non avrò così tanta nanna vi racconterò tutto però c’è una cosa bruttissima e tanto tanto triste che voglio dirvi. Là ci sono tanti cagnolini come eravamo noi quella notte anche loro da soli senza la mammina, al freddo, al buio e senza niente per pappa; alcuni girano in mezzo alle luci dei brum brum ( io chiamo così le macchine perché fanno quel rumore), altri stanno nascosti nei prati. Voi che da lassù potete vedere tante cose proteggete il mio amichetto Guidubaldo: è un simpatico bastardino venuto a salutarmi mentre camminavo insieme al papà ed alla mamma, era timido ed affamato tanto che mammina gli ha dato quattro fette di porchetta: io non ho protestato, sapete, perché vedevo che era magrino…anche se la porchetta mi piace tanto tanto. Mi ha detto che i suoi padroncini lo hanno lasciato in una strada quando faceva caldo ed ora doveva arrangiarsi, dopo la porchetta è sparito; io lo avrei adottato come fratellino ma papà e mamma mi hanno spiegato che proprio non avrebbero potuto prenderlo... io li capisco, so che sono un po’ birichina e li impegno tanto. Guidubaldo se ne è andato ma magari la prossima volta lo rivediamo e io sarò più grande e meno pasticciona e, chissà, magari avrò un secondo fratellino oltre Pippo, il simpatico gattone ciccio; intanto voi, se lo vedete, da lassù, proteggetelo perché è piccolino come me e tanto triste. LA MONTAGNA E LA MIA PRIMA SCIATA. A papà e mamma piace molto la montagna; la montagna è un posto in alto in alto, talmente in alto che quando guardo il cielo da lassù mi sembra di essere tanto più vicino a voi, fratellini. In montagna c’è la neve che è bianca come me; credo che sia proprio per distinguermi dalla neve che Simona mi ha comprato due cappottini rossi, così mi vedono!...Eh la mamma è sempre la mamma! All’inizio quel coso sopra il pelo mi dava fastidio ma poi ho capito che serviva a tenermi al calduccio…quando corro nella neve, però, mi gelano i piedini: un giorno ho visto un mio amichetto con delle calde scarpette…spero proprio che i miei padroncini me le comprino. A parte questo volevo raccontarvi cosa mi è successo oggi: si, perché oggi è stato un giorno speciale…ho finalmente capito dove vanno papà e mamma quando escono con quelle scarpe enormi con dei grossi ganci al posto dei lacci che fanno tanto rumore e con quei cosi lunghi che si mettono a spalle! Vanno a giocare anche loro con la neve…salgono in cima al monte e poi scivolano giù sperando di non rompersi tutti: questo gioco si chiama sciare ed io ho capito che a mammina e papino piace tanto sciare! La grande notizia che ho da darvi è che oggi ho sciato anche io…e io sono piccolissima per sciare, sono un prodigio! Mammina stava uscendo dalla nostra casetta e, siccome il mio padroncino era già andato via io sarei dovuta rimanere da sola: io ho paura a stare sola…dopo quello che ci è capitato mi potete capire! Mi sono messa ad abbaiare più forte che potevo così la mammina è tornata a prendermi; dopo avere giocato un po’ siamo saliti tutti e tre sopra un grande divano volante che ci ha portati senza fare fatica in cima alla montagna e poi papà mi ha presa in braccio e siamo scesi. Mi sono divertita tanto, io non ho paura di niente quando sono con i miei padroncini! Superavamo tutti e papà diceva che eravamo i più veloci: per non dire bugie un signore tutto rosso ci ha superati salutando Mario ma io non gliel’ho detto, era così felice di essere il più veloce! La sera ero molto stanca così mi sono addormentata sul divano di casa, quello che non vola, sciare è tanto faticoso per me che sono piccolina! IL MIO PRIMO NATALE Voi fratellini, lassù starete al calduccio perché siete più vicini al sole che vi scalda ma quaggiù, quando arriva l’inverno, fa freddo così papà e mamma, che mi vogliono tanto bene, mi hanno comprato i cappottini rossi per non confondermi con la neve; quando vi penso immagino che anche voi abbiate il cappottino ma tutto bianco con le alucce dorate. Natale è un giorno speciale perché gli umani diventano come noi e sembrano dimenticare il male…perché noi non sappiamo proprio cosa significhi quella parola! Le vacanze di Natale sono tanto divertenti: papà, prima di uscire bardato per scivolare sui fiocchi di neve, mi porta a giocare con le palline ed io mi diverto tanto…quando torniamo mi mette il latte calduccio nella mia scodellina che mi fa uscire tanta arietta dal pancino e poi mi addormento sul divano dove si appoggia anche il nonno che si alza tanto prima di noi e poi, tra una brontolata e l’altra, si riaddormenta. Il nonno è un tipo strambo; mi fa le coccole ma poi mi allontana dicendo che ha paura di volermi bene perché se io andrò in cielo prima di lui … lui ci resterebbe molto male…Io, fratellini, davvero, non voglio fare stare male nessuno ma anch’io ci starò male se lui non ci sarà più…eppure cerco di dargli tutto il mio bene ogni volta che lo vedo e mi chiedo perché lui invece mi mandi sempre via. Ah…gli umani…sono sempre lì a pensare a cosa sarà poi e si scordano di godersi la bellezza della felicità presente, sembra quasi che, sapendo, di dovere, prima o poi, soffrire preferiscano stare male fin da subito come se stare male oggi ci facesse stare meglio domani. Ecco…il mio papà ha tanti difetti ma mi sono innamorata di lui anche per questo…perchè lui mi sembra che viva sempre in Paradiso…non è che non abbia preoccupazioni ma ce le ha quando arrivano…fino ad un secondo prima sta bene e, poi, anche quando arrivano, ride sempre e mi riempie di bacini dicendomi che qualunque cosa succeda se io sarò vicina a lui ce la faremo perché mi ha desiderata così tanto che nulla potrebbe dividerci. Quella notte mi hanno detto che sarebbe arrivato Babbo Natale dal cielo a portarmi i regalini ma io non volevo niente, avevo già tutto quello che mi serviva per essere felice…no, anzi, un desiderio ce l’avevo e sono rimasta un po’ delusa: speravo mi riportassero voi impacchettati e con un bel fiocco per rivedervi ancora una volta…ma pazienza, si vede che questo Babbo Natale non é così potente…comunque è buono perché mi ha portato tre palline nuove e tanti bombi.

171 commenti:

  1. Bello!Io vivo da sola ed e'da tanto tempo che voglio un cane. Andro'al canile della mia citta'.Genova.
    Rita.

    RispondiElimina
  2. E considerate che abbandonare puo'uccidere due vite.Quella del cane e magari quella di un automobilista che fa un incidente x evitarlo. C'e'internet. Ci vuole poco ormai a trovare un padrone ad un cane!

    RispondiElimina
  3. Considerati i tuoi libri mi ha stupito la tua capacita'di scrivere un racconto anche per bambini.
    Bello.Commovente.
    Lo faro'leggere a mia figlia,ha sette anni.

    RispondiElimina
  4. Come puo'esistere gente tanto cattiva?Anche questo e'un segno di degrado della nostra civilta'.

    RispondiElimina
  5. Sicuro che lo e'.
    Si perdono i valori e per primo il rispetto anche della vita umana.
    Ci sono genitori che abbandonano neonati.
    Ma pensate che piccoli indifesi??Il cucciolo di un cane,di un gatto o un bimbo!!!Li avete mai tenuti in braccio?
    Si abbandonano completamente a voi!

    RispondiElimina
  6. Cani e cavalli sono amici indiscussi. Tuttavia l'esempio di bianca e'veritiero e drammatico.ma come si fa ad avere tra le braccia un bambino ed abbandonarlo a morte certa? Giorgia.torino

    RispondiElimina
  7. Cara Giorgia. Hai perfettamente ragione..quello di Bianca rappresenta uno spunto di
    riflessione drammatico e corretto.
    Sono giovane e non voglio fare il moralista. Non credo di avere l'esperienza
    di vita necessaria per giudicare alcuno ma, per certo,mi sento di
    condividere i vostri pensieri.
    Certamente oggi e'tutto piu'difficile ed e'facile spaventarsi:credo,
    comunque,che determinate crudelta'non meritino giustificazioni
    di sorta...ne'spaziali ne'temporali.
    Ammetto,ma la mia e'una posizione assolutamente personale, unicamente
    la follia dovuta alla malattia(ad esempio una forte depressione).
    In tali casi,forse,non e'piu'l'essere umano responsabile delle
    proprie azioni bensi'una mente malata non piu'in grado
    di rispondere alla volonta'...nemmeno della stessa coscienza.

    RispondiElimina
  8. Armando G. Torino17 settembre 2012 15:49

    Sui giornali abbiamo esempi quotidiani di menti malate. A volte temo sia solo un'abile manovra degli avvocati per tirare fuori di galera gente che meriterebbe di passarci la vita. Avete sentito che i due di Perugia pubblicheranno un libro?Spero che non ne vendano neppure una copia.

    RispondiElimina
  9. Mah...dopo esperienze del genere, mi sorprenderei, aimè,non lo scrivessero.
    Io ho una mia personalissima idea su come possa essersi svolto il tutto, che, temo sia la più semplice e logica...ma la tengo per me.
    Purtroppo il vero dramma nel dramma è che, a mezzo di questo libro, sempre se dovesse uscire, ognuno sarebbe "autorizzato"a presentare la propria verità: polemiche, discussioni, trasmissioni e quanto altro non faranno poi che alimentare il fumo e la confusione... il tutto a scapito della verità.

    RispondiElimina
  10. Mi chiedo come sia possibile al giorno d'oggi non avere ancora certezze su certi delitti. Con tutti gli strumenti che ci sono!

    RispondiElimina
  11. Purtroppo e'possibile. La prova del DNA,ad esempio,e'certa ma comporta un ambito di ricerca e,poiche'non siamo tutti schedati(nonostante una vecchia proposta in tale senso),a volte puo'essere impossibile individuarne l'appartenenza.Ti faccio un esempio:se qualcuno fosse ucciso con una bottiglia di vetro poi frantumata e lasciata sul posto in forma di piccolissimi cocci, avremmo in ognuno di essi del DNA dell'assassino ma se questi non fosse schedato si dovrebbe fare una banca dati di tutte le persone presenti a centinaia di km dal luogo ed ora del delitto per arrivarci. Impossibile.

    RispondiElimina
  12. Quindi puo'ancora esistere il cosidetto:delitto perfetto?

    RispondiElimina
  13. Ciao Lori.Grazie per aver scritto!
    Probabilmente si, potrebbe esistere. Indubbiamente le tecniche investigative odierne sono molto avanzate ma la mancanza di una banca dati ufficiale dove potremmo essere tutti schedati,un po'come per le impronte digitali,lascia alcuni buchi.

    RispondiElimina
  14. Ciao. Sono una ragazza di diciasette anni ed ho due nipotini bellissimi.Abbiamo iniziato a leggere insieme la storia di Martina.E'molto educativa,per adulti e bambini,una favola.
    Continuerai a scrivere?Vorremmo potere continuare a leggere le storie della piccola tutti insiene prima di dormire.

    RispondiElimina
  15. Si. Meriterebbe un libro solo su Martina per bambini cone fiaba della buona notte ad episodi. Monica mamma di Francesca 5anni.

    RispondiElimina
  16. Ci pensero'. Per ora sto inserendo qualche storia nel mio nuovo ronanzo.

    RispondiElimina
  17. Quando uscira'? Sono interessato! Mi piace il tuo modo di scrivere perche'e'giovane e poi parli di macchine da sogno e mi aiuti a sognare. Quando leggo i tuoi libri mi estraneo dalla realta'.
    Luca.

    RispondiElimina
  18. Son d'accordo. Anche a me piacciono quelle descrizioni di viaggi in auto con macchine spettacolari. Per noi ragazzi e'proprio un modo x sognare.

    RispondiElimina
  19. Grazie a tutti! Per uno scrittore sentirsi dire che il proprio libro aiuta a sognare è...il più bel regalo che un lettore possa fare!
    Grazie ancora e...spero di non deludervi con il prossimo!

    RispondiElimina
  20. Anche io sto attendendo il proseguo della storia di Martina per leggerla ai miei bambini.
    Claudia

    RispondiElimina
  21. Si anche noi vorremmo leggere della piccoka Martina!Mauri,Teresa,Ludovica ed il piccolo Federico.

    RispondiElimina
  22. Va bene!Martina ed io stiamo scrivendo!Entro la prossima settimana potrete leggere le sue nuove avventure!Promessa!

    RispondiElimina
  23. Oggi l'ho promesso a mia figlia. Quindi aspettiamo!Non ci deludere!

    RispondiElimina
  24. Martina ha scritto un capitoletto...come promesso!

    RispondiElimina
  25. Hai mantenuto la promessa!Grazie anche a nome di Ilaria.

    RispondiElimina
  26. Io propongo una campagna stop al randagismo:adottiamoli e diamogli una casa,un affetto,una famiglia.

    RispondiElimina
  27. Ma come si puo'essere tanto disumani da condannare a morte dei cuccioli, indifesi che vogliono solo amare?

    RispondiElimina
  28. Bisogna partire dai bambini e educarli fino dalle scuole. Vanessa.

    RispondiElimina
  29. Mi immagino Martina...e'x caso quel cagnolino bianco che c'e'sul tuo sito?

    RispondiElimina
  30. Si e'lei!Da cucciolina...cioe'ancora piu'cucciolina aveva 1 mesetto! Approvo la campagna contro il randagismo!

    RispondiElimina
  31. Prima di andare negli allevamenti togliamoli dalla strada. E'reale o inventato l'episodio del cagnolino in Sardegna?

    RispondiElimina
  32. Non so se te lo hanno gia'consigliato ma perche'non scrivi un libro di favole su martina x bimbi?

    RispondiElimina
  33. Sono d'accordo!ci vuole un libricino per bimbi!i miei mi chiedono ogni giorno una storia nuova di martina!

    RispondiElimina
  34. Ci penso...poverina...dovrà scrivere tanto...è piccolina!

    RispondiElimina
  35. Chiediamo ufficialmente un libro per bambini scitto da Martina!

    RispondiElimina
  36. Adesso glielo chiedo!Wow...ha detto si!

    RispondiElimina
  37. Meglio degli uomini. Lucia.

    RispondiElimina
  38. Oggi Martina ha preso la seggiovia e sciato...penso che vorra'scrivervelo!

    RispondiElimina
  39. E'la star mia e di mia figlia! Falla scrivere!

    RispondiElimina
  40. Le ho appena parlato e mi ha promesso che entro fine settimana scrivera'un raccontino.

    RispondiElimina
  41. Letta!Brava Martina!Sei un mito!

    RispondiElimina
  42. Non solo!Quella di Martina e'una bella favola dei tempi moderni. Grazie per farci ridere in modo non volgare!Emma

    RispondiElimina
  43. E'dolcissima! Erika

    RispondiElimina
  44. Il bello di questa storia e'come uno scrittore di thriller possa cambiare conoscendo una piccola amica che gli cambia la vita! Ho letto solo ora la storiella e sono commossa!

    RispondiElimina
  45. Grazie...si, forse mi ha cambiato anche un pò il carattere...oltre alla vita!

    RispondiElimina
  46. Confermo!Sei migliorato!Lori

    RispondiElimina
  47. Da psicologa posso sostenere che un animale possa essere estremamente utile ed educativo per la crescita di un bambino poiché ne stimola la responsabilizzazione. CRI

    RispondiElimina
  48. Da quando ho convinto mio marito a prendere un cucciolo di Labrador mia figlia e'migliorata...studia di più ed esce meno. E'vero e'responsabilizzata!

    RispondiElimina
  49. Allora Buon Natale di cuore a tutti coloro che sentono col cuore prima di riuscire a vedere con gli occhi.

    RispondiElimina
  50. Quando potremo leggere delle avventure natalizie di Martina? Party e le sue bimbe!

    RispondiElimina
  51. Comitato Martina: quando potremo leggere le avventure di Natale? Nicoletta, Cecilia,Luisa.

    RispondiElimina
  52. Martina promette di scrivere il suo temino sulle vacanze appena riprendono le scuole e,diciamo entro fine gennaio lo pubblichera'!

    RispondiElimina
  53. Non vediamo l'ora! Trovo la Sua storia educativa per grandi e piccini. Ludo

    RispondiElimina
  54. Martina ringrazia. Il racconto delle sue vacanze uscira'entro la ptosdima settimana...diciamo tra il 15 ed il 20 gennaio....e'una promessa. Ogni ritardo va imputato al suo papa'che deve ricopiarlo e che,al momento,e'impegnato nella stesura del quarto libro!

    RispondiElimina
  55. A quando l'uscita? Tratterai anche temi,per cosi'dire,delicati come le malattie o il rapporto vita/morte?Aspetti a te cari.

    RispondiElimina
  56. Direi di si..come hai detto sono temi a me cari...l'uscita credo entro dicembre 2013...

    RispondiElimina
  57. Ti chiederei solo capitoli piu'corti!!! Quando possiamo leggere le avventure natalizie di Martina?Le scuole sono riprese!

    RispondiElimina
  58. L'appunto sui caitoli piu'corti mi e'stato mosso gia'da piu'lettori ed,infatti,sto provvedendo a diminuirne drasticamente la lunghezza nel prossimo romanzo. Martina ha quasi scritto il temino ed in settimana sara'pubblicato.

    RispondiElimina
  59. Martina ha mantenuto la promessa!

    RispondiElimina
  60. Bella...dolce...un po' malinconica ma sempre educativa! Grazie Martina!

    RispondiElimina
  61. Piccolina e dolce....

    RispondiElimina
  62. Piccola Martina, aspettiamo il tuo libro...magari anche con delle foto!

    RispondiElimina
  63. Un libro per bambini sarebbe un successo!

    RispondiElimina
  64. Ma poverina e'piccolina...tutto un libro e'durissima!

    RispondiElimina
  65. Lei e'una grandissima e sono sicuro che in un mese lo scriverebbe. Omar

    RispondiElimina
  66. Martina ringrazia e dice che le servirebbe un po'piu'di tempo ma non e'detto che non lo faccia!

    RispondiElimina
  67. Massimo.forli'27 gennaio 2013 14:40

    Ho letto oggi per la prima volta la storia. Da giornalista desidero dirti che la trovo unica: simpatica,allegra a tratto,malinconica a tratti, educativa. Bisognerebbe farne un libro ed un cartone animato.complimenti.

    RispondiElimina
  68. Martina fun club Verona8 febbraio 2013 18:44

    A quando un nuovo pezzo? Martina fun club Verona

    RispondiElimina
  69. La piccinina sta pensando di raccogliere le sue esperienze in un libricino...

    RispondiElimina
  70. Martina fun club Rivoli9 febbraio 2013 18:21

    Deve pero'essere un libro natalizio. Allora lo attendiamo per dicembre!Martina fun club Rivoli

    RispondiElimina
  71. Si!In questo monento triste vogliamo sorridere,commuoverci,stare bene. Il libro di Martina ci aiutera'a passare sere serene con i nostri bambini. Ketti

    RispondiElimina
  72. Ma quindi di libri prossimi ce ne sono due?Valeria

    RispondiElimina
  73. Tempi di uscita?Io non vedo l'ora di scoprire l'argomento del tuo anche se un uccellino me lo ha gia'suggerito e la mia bambina vuole essere la prima a leggere di Martina. Daria

    RispondiElimina
  74. Laura B Bologna14 marzo 2013 17:58

    Piccinina!E'simpaticissima!Ma anche tu sei simpatico!In sto casino perche'non ti candidi...sono convinta che se le persone ti conoscessero ti voterebbero da destra e sinistra;););)!!

    RispondiElimina
  75. Condivido. Leggendoti ed avendoti ascoltato parlare penso non avresti problemi ad essere un buon leader. Maurizio

    RispondiElimina
  76. Yes!Mario Catania for president. E sono convinto, conoscendoti, che sapresti anche circondarti delle persone giuste. I tuoi amici sono sempre ok!

    RispondiElimina
  77. E Martina first Lady. Sarebbe una lady di ferro!A quando l'uscita del suo libro?

    RispondiElimina
  78. Dille che lo ha promesso per Natale e proprio lei non puo'deludere i suoi piccoli fans!

    RispondiElimina
  79. Martina ha promesso che per Natale sara'pronto!

    RispondiElimina
  80. E aspettiamo anche quello sul mostro di Firenze.Avete visto che hanno riaperto il caso?

    RispondiElimina
  81. Io da mamma attendo quello di Martina ma mio marito e'curioso di sapere di piu'sulla storia del mostro. E'un libro documento o un romanzo?

    RispondiElimina
  82. Ma la piccola Martina sta scrivendo?Ha promesso di darci il libri entro il 2013!Sonia.Mamma fan di Martina

    RispondiElimina
  83. Sta scrivendo ma...e'piccolina e scrive piano piano;)

    RispondiElimina
  84. Ma e'tanto dolce e stando con voi avra'di sicuro tante storie da raccontare!Ambrosella

    RispondiElimina
  85. Ah si....ne combiniamo di tutti i colori insieme!

    RispondiElimina
  86. Almeno qualcuna scrivetela tanto per ingannare l'attesa in attesa del libricino.Luisa e Claretta

    RispondiElimina
  87. Si...qualunque bambino cresce meglio leggendo storie simili. Maria

    RispondiElimina
  88. Giovanna Bosso18 maggio 2013 19:29

    Sarebbe possibile incontrarla?La piccola Ele la vorrebbe conoscere. Al salone puo'entrare?

    RispondiElimina
  89. Mi hanno detto che un cane di piccola taglia puo'entrare. Mi contatti tranquillamente sulla mail o al numero di cellulare che trovera'sul sito.Grazie

    RispondiElimina
  90. Quando leggo su torino cronaca o altri quotidiani di cani abbandonati o lasciati al canile piango perche'credo che ognuno di loro sia una vita ed abbia dei sentimenti che e'un insulto definire umani. Ho una bambina che rappresenta il mio presente ed il mio futuro ed un marito che odia gli animali in genere. Io credo che un bambino crescerebbe piu'responsabilizzato con un animale. Cosa posso fare?

    RispondiElimina
  91. ...convincere tuo marito della verita'delle tue parole.
    Rapportarsi con un animale fa bene ai bambini poiche'li responsabilizza(diverso e'dover badare ad un essere vivente piuttosto che ad una bambola) ma fa bene anche agli adulti per insegnare loro che esistono altri linguaggi, altri modi di essere e di comportarsi.

    RispondiElimina
  92. Sono una psicologa e lavoro con i ragazzi.Colgo l'occasione e mi inserisco nella discussione per complimentarmi per la tua sensibilita'ed anche competenza. In particolare l'opinione qui espressa e'quanto di piu'veritiero.

    RispondiElimina
  93. Da mamma voglio dare il mio contributo alla discussione.
    Ho un figlio di ventun anni che ha sempre desiderato un cane.
    Alla fine glielo abbiamo regalato prendendolo da un canile.
    Pietro e'cambiato in meglio, sembra essere venuto fuori il suo lato umano. Loredana

    RispondiElimina
  94. Cara Loredana...non ne dubito ed e'bellissimo leggere il fatto che glielo abbiate regalato ed altrettanto splendido che lo abbiate preso da un canile!Non ho il minimo dubbio che il ragazzo sia cambiato in meglio.

    RispondiElimina
  95. Buon giorno. Sono uno di quei padri che non sopporta il fatto che il proprio figlio abbia contatti frequenti con gli animali:portano troppe malattie.Davide,mio figlio, lo desidererebbe ed anche mia moglie. A diciassette anni gli ho regalato il motorino educandolo alla redponsabilita'.Lui se lo cura come un amico. Non credo sia necessario un cavallo o un cane per fare crescere bene un ragazzo. Grazie. Ovidio

    RispondiElimina
  96. Buon giorno a lei. Io sono una neuropsichiatra infantile. Mi trovo in totale e completo disaccordo con quanto da lei affermato. Un animale puo'aiutare a crescere meglio poiche',le assicuro, e'molto diverso doversi prendere cura di un cane o un cavallo piuttosto che di una moto la quale non diventera'mai un'amica. Mi spiace leggere tanta freddezza in un genitore e mi auguro di cuore che un simile cinismo non venga trasmesso ai figli.Teresa C

    RispondiElimina
  97. Io certamente sono di parte per quanto adoro gli animali anche se non sono di quelli che sostengono che siano sempre meglio degli uomini...ho,fortunatamente, potuto incontrare nella mia vita persone speciali e di grande sensibilita'...Caro Ovidio...Lei mi da l'impressione di una persona un po'fredda...non paragoniamo un essere vivente e di grande sensibilita'ad una moto!!!!Suvvia!!!

    RispondiElimina
  98. Un po'freddo?Direi piuttosto uno che non ha mai provato l'amore di un animale!Lo sa il signore che esiste addirittura la pet terapy?

    RispondiElimina
  99. Concordo sul fatto che la pet terapy sia un'ottima possibilita'soprattutto per chi soffre di malattie quali la depressione ma lo sia per l'uomo in generale e per i bambini in particolare. Certo un animale e'un impegno grande ma posso assicurare che vale la pena!!!

    RispondiElimina
  100. Ti danno forse piu'di quanto sia in grado di fare una persona perche'rimangono per sempre bambini quindi innocenti.

    RispondiElimina
  101. Io con il mio faccio tutto!D'estate anche la doccia!!!

    RispondiElimina
  102. Vorrei raccontare la storia del mio Birillo: trovato per caso in Sardegna quando aveva poco piu di' un mese. Non avevo mai avuto un cane prima ed avevo da poco compiuti venti anni. Ora ne ho quasi quaranta e lui e'ancora con me simpatico sveglio: un bel vecchietto ancora con tanta appetito e voglia di giocare. Rik

    RispondiElimina
  103. Salutalo!Ma quale vecchietto!Ti auguro che non so come...magari un miracolo...stia sempre con te!!!!!

    RispondiElimina
  104. A volte i miracoli accadono.Il mio piccolo Fagiolo ha vent'anni e sta benone. Corre solo un po'meno di prima;););)

    RispondiElimina
  105. La mia 21!Trovata in strada!!!!!!!

    RispondiElimina
  106. Qualcuni ha letto di Monti? Come si puo'essere tanto indifferenti all'amore di un cane? Solo chi vive per il potere,le riunioni e queste cose....disumano!

    RispondiElimina
  107. Ho letto e mi ha colpito...in negativo. Credo che un uomo sia un uomo migliore con l'amicizia di un animale.Certo gli animali richiedono tempo ed attenzioni da sottrarre ad affari e potere.

    RispondiElimina
  108. Un animale e'come un bambino solo piu'sensibile e rimarra'tale tutta la vita. Chi non ha mai provato l'amore di un animale non potra'mai dire di sapere cosa voglia dire essere amato.Daniel

    RispondiElimina
  109. Non posso che essere d'accordo...e ricordare che la pet therapy esiste. Ed a proposito di animali ed affitti...oggi degli inquilini morosi hanno "liberato"l'alloggio di un amico:nella notte lasciando dentro abbandonati un cane ed un gatto....

    RispondiElimina
  110. E poi gl animali chi sarebbero?Vero e'che la disperazione fa brutti scherzi.Selen

    RispondiElimina
  111. Non sono uno di quelli che sostengono che gli animali siano migliori degli uomini ma...devo dire che ho conosciuto tante persone buone ed alcune cattive ma mai animali cattivi senza ragione.

    RispondiElimina
  112. Tempo fa ho visto in un docunentario l'amore di una madre cervo verso il cucciolo. Io possiedo un maiale che non nacellero'mai perche'solo un ignorante puo'dire che non hanno sentinenti.Eleonora

    RispondiElimina
  113. Qualsiasi animale sarebbe in grado di insegnare amore e fedelta'ad un uomo.

    RispondiElimina
  114. Su questo zero dubbi!Il mondo animale e'un libro aperto per tutto il genere umano dal quale tutti noi dovremmo imparare.

    RispondiElimina
  115. Confermo quanto da Lei detto nella discussione. Un bambino cresce meglio in compagnia di un animale. Una cosa e'curarsi di un essere vivente altro e'fare da genitor a bambole di pezza.Francesca

    RispondiElimina
  116. Cara Francesca, parole sante. Senza dubbio doversi prendere cura di un animalino aiuta a crescere ed a responsabilizzarsi. Purtroppo tanti genitori ritengono sia piu'un intoppo alla vita familiare che un aiuto. Personalmente quando incontro persone che non amano gli animali provo repulsione.

    RispondiElimina
  117. Io ho una pizzeria ristorante e non rifiuterei mai di fare entrare un cane eppure spesso vedo lo sdegno di gente ai tavoli che,magari,ha dei bambini maleducati e rompiscatole.

    RispondiElimina
  118. Nel mio albergo i cani, o gli animali in generale, non hanno mai rotto mobili, danneggiato alcunche'o peggio ancora rubato. Simo

    RispondiElimina
  119. Io,come penso si sappia,adoro gli animali e non posso che concordare con quanto dici,caro Simone, in piu'dico che in loro, a volte,mi sembra di vedere tutte le possibili doti positive degli uomini e scorgere l'assenza di tutto il negativo dell'essere umano.

    RispondiElimina
  120. In loro non c'e'invidia ne'egoismo. Chiedono solo di stare con te e questo vale per cani,gatti,cavalli,capre,maialini ed ogni animale. Marina del canile

    RispondiElimina
  121. Cara Marina,e'tutto vero. Certamente tu, lavorando in un canile hai occasione di vedere realta'tristi oltre ogni limite.Un buon Natale a te ed a tutti gli animalini che difendi.

    RispondiElimina
  122. Lavorare in un canile da gioia e felicita' e mi ripaga di stanchezza e fatiche.Marina

    RispondiElimina
  123. Noi mamme aspettiamo il libro di Martina!Non lo dimentichi!Monics

    RispondiElimina
  124. Sta scrivendo....piccina ma sta imparando...chiede tempo.

    RispondiElimina
  125. Puo'prometterci che per il prossimo Natale uscira'il libro.Monica

    RispondiElimina
  126. Trovo che l'idea del libro scritto direttamente dal cagnolino sia dolcissima. Ho letto le storie,finche'le hai pubblicate, al piccolo Aldo prima di dormire. Ora ci mettiamo anche noi in fila per il libro.Sabrina

    RispondiElimina
  127. Anche Teresa ed io siamo in attesa del libro della piccolissima!Daniela

    RispondiElimina
  128. Fulvia &Rebecca18 febbraio 2014 23:48

    Anche noi attendiamo il libro anche se per qualche particolare reputo sia piu'per adulti col cuore tenero che lo leggano a Bambini.

    RispondiElimina
  129. Si, diciamo che sara'un libro per tutti!Grazie!

    RispondiElimina
  130. Lo aspettiamo.La prego di non deludere la piccola Teresina.Una mamma

    RispondiElimina
  131. Come ho gia'risposto la piccolina sta scrivendo ed il libro uscira'entro Natale 2014!Grazie!

    RispondiElimina
  132. Evviva!Michi! Non vediamo l'ora di leggerle!5 A Forli'

    RispondiElimina
  133. Buona sera 5A. Grazie per la fiducia!

    RispondiElimina
  134. Giovanna Ralli7 maggio 2014 00:16

    Sarebbe possibile incontrare lei e la piccola martina al salone del libro di Torino?Giovanna Ralli

    RispondiElimina
  135. Io li ho incontrati!Siete troppo simpatici!!!Alice Freia

    RispondiElimina
  136. Arriva l'estate.Per favore fate di tutto per portarli con voi, non leggiamo piu'di abbandoni. Lorella

    RispondiElimina
  137. Mi associo.A tale proposito vorrei ringraziare gli amici Gigi e Marina Balboni volontari a Rivalta in canile per l'amore con il quale svolgono la loro opera.

    RispondiElimina
  138. Tuttavia quello dei canili e'un discorso molto complesso. A volte prendono dei cani e si fanno pagare centinaia di euro per restituirli anche se sono cippati ma non hanno il collarino.luigi

    RispondiElimina
  139. Vero!Su questo tanti proprietari di canili ci marciano!Per me non e'semplice tirare fuori 100 o piu'euro eppure,mi e'capitato piu'di una volta che il mio cagnolino con tanto di micro cip sia stato preso SEMPRE nello stesso canile e solo perche'ogni tanto cammina libero e felice per le campagne. Ogni volta devo pagare per riavere il mio cagnolino che, se fosse lasciato in pace tornerebbe sempre e comunque a casa sereno. Giuseppe Ratti

    RispondiElimina
  140. Elena Siviero5 agosto 2014 23:53

    Un tempo c'erano le fiabe della buona notte. Ora c'e'la storia di Martina!

    RispondiElimina
  141. Anche Teresa eBenedetta, con la mamma Clara stanno aspettando. Il
    libro di Martina è il regalo che abbiamo promesso anche ai cuginetti. Teresa, Benedetta e Clara Firuggi

    RispondiElimina
  142. Mancamolto???Valeria Davini

    RispondiElimina
  143. Quanti randagi in Sardegna. Ma perche'???

    RispondiElimina
  144. E chi è la bestia e chi l'essere umano? Gianni

    RispondiElimina
  145. Stiamo attendendo il libro della piccolina....una promessa è un debito . Federica Spano

    RispondiElimina
  146. In uscita per novembre. Ufficiale!

    RispondiElimina
  147. Allora scattano i regali di Natale! Enrica Fiippi

    RispondiElimina
  148. Dovrebbe essere un libro consigliato nelle scuole. Per educazione civica, ad esempio. Monica Lo Guzzi

    RispondiElimina
  149. Salvetti Gennaro1 ottobre 2014 00:36

    Io soffro di insonnia.quando non riesco a dormire mi rileggo la storia che stai scrivendo. E non vedo l'ora di poter avere il libro.Gennaro salvetti

    RispondiElimina
  150. Che bella cosa mi hai detto! Grazie di cuore...ah...anche se mi spiace per la tua insonnia!

    RispondiElimina
  151. Ti sto seguendo anche su Fb. Ci sono cose terribili, abbandoni, violenza su cavalli, cani e altro...Mi chiedo se vi sia un modo per farli cessare. In particoare due tue amiche Mussa Mimmi e Boerisr Roberta mettono sempre post toccanti. Marco Fiesole

    RispondiElimina
  152. Grazie per la tua attenzione. Spero , prima o poi si possa fermare tanta malvagita'.

    RispondiElimina
  153. Comprato e letto da dove finiva sul blog!! Grazie della promessa mantenuta. Federica Spano

    RispondiElimina
  154. Alle 10 la mia Giorgia si e'addormentata e io ho finito il libro con mia moglie!Sei un grandissimo!Vasco Timoti

    RispondiElimina
  155. Scusa il ritardo nel risponderti. Che bello! Grazie mille!

    RispondiElimina
  156. Tommaso Galimberti25 febbraio 2015 21:47

    Ma sono storie tutte vere o c'e'della fantasia, ad esempio la storia di Pin mi e'piaciuta tanto ma non so se sia vera. Tommaso Galimberti

    RispondiElimina
  157. Caro Tommaso...diciamo verità romanzata...storie vere...un po'condite. Quella di Pin è, direi, vera al 70%. La verità in due parole è questa: era stato lasciato al freddo, fuori estate ed inverno in montagna causa il fatto che il padrone malato non potesse piu' occuparsene...ed alla fine è stato adottato dai proprietari dell'alberogo/ristorante che se ne erano presi cura...Comunque un abella storia

    RispondiElimina
  158. Giorgia Salenne5 marzo 2015 19:30

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  159. Carissima Giorgia...Ti chiedo scusa...sono un disastro informatico e per sbaglio ho eliminato il Tuo commento che , per altro, mi piaceva! Se volessi avere la cortesia di rimetterlo...Grazie...

    RispondiElimina
  160. Non ricordo cosa avevo scritto:):):);)

    RispondiElimina
  161. Roberto Iundi21 marzo 2015 17:42

    Rimango sempre molto triste quando vedo sui social immagini ed appelli di animali abbandonati. Trovo osceno quando dei genitori dicono di aver dovuto allontanare un animale a causa della nascita di un figlio.

    RispondiElimina
  162. Purtroppo succede. Io la penso come te ma, non essendo genitore, non sono addentro rispetto a certe problematiche...allergie etc etc....Tuttavia...ce ne sono tanti che fanno quello che dici tu prima ancora della nascita...allora mi chiedo davvero perchè???

    RispondiElimina