domenica 3 febbraio 2013

Si ricordino di essere prima di tutto Magistrati

Io appartengo alla generazione di quelli che non hanno mai vissuto gli orrori della guerra ma solo assistito alle sue devastazioni in televisione, nei notiziari o nei documentari. Alla voce “Rivoluzioni civili” google presenta la Guerra Civile inglese, dal 1642 al 1651; la Guerra Civile libica del 15 febbraio 2011- 20 ottobre 2011; la Rivoluzione Studentesca del ’68 ed altre, certo leggiamo anche di movimenti pacifici da Gandhi a Martin Luther King…ma quanti hanno la volontà di distinguere la parola rivoluzione da guerra o, ancor più di discernere i diversi significati del termine stesso? Io auspicherei che un tutore della legge, un magistrato, colui al quale è demandato, insieme alle forze dell’ordine, il mantenimento della legalità non si erga a fomentatore di singoli o gruppi di facinorosi che altro non aspettano che sfogare la propria violenza. Non voglio assolutamente entrare nel merito delle prossime elezioni anche perché ritengo che qualsiasi scelta politica sia, magari non condivisibile poiché ognuno ha le proprie idee, ma certamente rispettabile; non vorrei solo più leggere di liste intitolate alla rivoluzione, alla violenza…e non credo di chiedere troppo. Mi piace sempre fare il paragone della grande barca che deve attraversare un mare in tempesta in un viaggio lungo ed arduo: bene, prima di partire, ancora a terra, coloro che si devono imbarcare hanno la facoltà di scegliere tra il comandante rosso e quello azzurro…a scelta compiuta, tuttavia, ognuno di essi capisce che si dovrà lavorare all’unisono, rispettando l’esito del voto a terra perchè solo in questo modo si potrà portare a termine l’impresa. Se, di contro, anche solo una minoranza sparuta a bordo della nave, lotterà contro il capitano eletto non mettendolo nelle condizioni di governare la barca, essi otterranno con grande probabilità il loro scopo, quello cioè di scalzare il comandante ma la nave andrà facilmente contro gli scogli portando con sé i corpi dell’intero equipaggio. Vorrei ricordare la prefazione di “Se questo è un uomo” di Primo Levi: “Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera, Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un si o per un no. Considerate se questa è una donna, Senza capelli e senza nome Senza piu’la forza di ricordare Vuoti gli occhi e freddo il grembo Come una rana d’inverno. Meditate che questo è stato: Vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore Stando in casa andando per via Coricandovi alzandovi; Ripetetele ai vostri figli. O vi si sfaccia la casa La malattia vi impedisca, I vostri nati torcano il viso da voi. (Primo Levi). La violenza non è mai una strada…nemmeno quella verbale.

146 commenti:

  1. Io qualcosa facendo il giornalista freelance ho visto e concordo con l'idea che la violenza non porti che male.manuel

    RispondiElimina
  2. E'una indecenza intitolare liste alla rivoluzione qualunque essa sia e chiunque lo faccia. Simo

    RispondiElimina
  3. Purtroppo si sottovaluta proprio questo aspetto cioè il fatto che non tutti hanno lo stesso equilibrio e certi inviti possono essere fraintesi. Davide.

    RispondiElimina
  4. La violenza verbale e'peggio di quella fisica perché sovente ne e'la causa. Federica

    RispondiElimina
  5. Ma dove sono finiti i Falcone e Borsellino?Loro non avrebbero mai nemmeno pensato a comportamenti simili.Max

    RispondiElimina
  6. Domanda secca:tu cosa pensi di votare?

    RispondiElimina
  7. Sorry posso solo dire che saro'coerente con me stesso.

    RispondiElimina
  8. L'ultima uscita di Monti e'stata la dimostrazione che la nostra Italia e'stata messa nelle mani di Germania e Francia al punto tale che un candidato Premier si permette di ammettere che non si alleera'con una parte o con l'altra per compiacere alla premier tedesca. Paolo Torino

    RispondiElimina
  9. Ho votato per la prima volta. Ma che senso ha usare le matite?

    RispondiElimina
  10. Bravo!Me lo chiedo anche io!A me hanno fatto storie x il cellulare e poi ci danno la matita!

    RispondiElimina
  11. Adesso secondo voi cosa succedera'?Come giustamente ha detto Paolo alla luce della frase di Monti non ci sara'la possibilita'di una nuova alleanza Pd Monti.

    RispondiElimina
  12. Attenzione che ormai abbiamo visto di tutto!La dichiarazione di Monti era quella che,in caso di Sua vittoria non si sarebbe mai alleato con il Pd...ma non metterei la mano sul fuoco che chiamato da altri non decida di saltare sul carro dei vincitori.

    RispondiElimina
  13. Andremo da qualche parte?Per me no! Voi vedete soluzioni?Amedeo

    RispondiElimina
  14. C'e'bisogno di gente di buon senso!

    RispondiElimina
  15. Sono un medio imprenditore e sto tremando davanti alla televisione.Non mi importa piu'della destra o sinistra qui ne va di non finire come la Grecia!

    RispondiElimina
  16. Io sono dichiaratamente di sinistra ma non posso piu'dare torto a Berlusconi. L'unica soluzione e'un'alleanza Pd Pdl che salverebbe l'Italia. Perche'Bersani rifiuta?

    RispondiElimina
  17. Se non se lo sono ricordati loro gliel'hanno ricordato gli italiani...per me il fatto che Di Pietro, Ingroia,Fini,Casini,Concia siano fuori e'la vittoria piu'grande. Salvo Grillino

    RispondiElimina
  18. Penso che tutti noi dovremmo comprendere che,quando andiamo a votare un leader, automaticamente portiamo in parlamento i deputati e senatori che ci dovranno governare. Per questa ragione credo sia inammissibile accettare di avere alla Camera ed al Senato della Repubblica persone tipo quelle presentate da Grillo( ieri ho sentito l'intervista ad una ... signora eletta indieme al figlio dichiarare "ho governato per anni una casa da casalinga ora vedro'come si governa il parlamento"..Signori...stiamo parlando di Deputati e Senatori!Per questa ragione credo che l'unica vera soluzione sia un'alleanza Berlusconi,Monti, Bersani mettendo da parte futili diatribe ed isolando cosi'quello che e'stato e deve unicamente essere un voto di protesta...capendo la lezione che da questa protesta si deve trarre ed al contempo non permettendo ad essa di assumere ranghi inadatti

    RispondiElimina
  19. Ps:la mia posizione coincide con quella di Ferruccio de Bortoli (direttore del Corriere della Sera) e Roberto Snaidero (Federazione italiana industrie del legno). Non si puo'pensare di consegnare l'Italia a gente che nemmeno sa cosa stia andando a fare. Bisognerebbe prendere il voto dato ai grillini come protesta, comprendere che si deve svoltare e mettere da parte inutili antipatie. Per me il top sarebbe un governo Renzi(il solo che sarebbe ben voluto da tutti) con una coalizione Monti,Berlusconi,Pd

    RispondiElimina
  20. Ben detto! Questa sarebbe la soluzione ci dessero rett.

    RispondiElimina
  21. Piergiuseppe3 marzo 2013 11:02

    Sicuramente sarebbe il solo modo per recuperare credibilità internazionale ma ci vorrebbe buon senso...

    RispondiElimina
  22. E mi sembra che dalle dichiarazioni di oggi Bersani non sia d'accordo a scendere a patti.cvd.

    RispondiElimina
  23. Oggi leggevo sulla stampa alcuni dei nominativi dei grillini in parlamento. C'e'da piangere!

    RispondiElimina
  24. Qui e'evidente. Berlusconi ha proposto un'alleanza che darebbe forza e respiro e valore all'Italia anche nei confronti dell'Europa ma alla sinistra questo non interessa...continuano i loro giochetti e le loro piccole brighe di potere alla faccia nostra...

    RispondiElimina
  25. E Grillo?Ma lo sanno tutti quelli che lo hanno votato che...a conoscerlo bene c'e'da ridere a sentire cosa dice?Gira in porshe a santa margherita, la losteggia dove vuole manco fosse il padrone del mondo ed ha una barca...non certo da basso profilo!Germana.

    RispondiElimina
  26. Purtroppo qui o si sbrigano a trovare la quadra oppure i grillini aumenteranno...

    RispondiElimina
  27. Ilario. Genova14 marzo 2013 17:51

    Io sono arcistufo!E basta!Hanno fatto cadere per cazzate un governo eletto dal 70%di italiani, lo hanno lasciato un po'in pace ed ora che e'tornato tra i tre gruppi di testa ricominciano con questa persecuzione politica!Giustizia dovrebbe essere anche rispettare il voto di tanta gente!

    RispondiElimina
  28. Ma se e'la sinistra la prima ad avere il potere dei media e della magistratura! Il nostro voto vale zero...se vinciamo ci fanno cadere!Tore

    RispondiElimina
  29. Io rido per Grillo. Ma cosa crede di fare?Ormai quelli che sono andati in parlamento ci sono e sara'difficile per lui da fuori controllarli!

    RispondiElimina
  30. Giusta l'assenza dall'aula di Berlusconi e difensori!

    RispondiElimina
  31. E'una persecuzione. Credo siano da consuderare maggiormente le parole del capo dello Stato quando invita a rispettare maggiormente il valore del voto.Alessia

    RispondiElimina
  32. Sono preoccupato per i miei figli. Ho settantanove anni ed ho visto le guerre. Oggi conto l'assurda crisi con l'India causata da comportamenti allucinanti del nostro governo, la crisi greca e spagnola, quella italiana, Cipro...c'e'troppo malcontento ed e'sottovalutato. Mi trova concorde il tuo articolo sui magistrati:come e'possibile in un simile momento ancora istigare alla rivoluzione?

    RispondiElimina
  33. E siamo tutti qui a sperare che Bersani esca con qualcosa in mano il che pebsi non accadra'. Giulia

    RispondiElimina
  34. Solo le larghe intese possono salvarci ridandoci anche credibilità. Bersani Berlusconi Monti insieme magari con capo del governo Renzi. Ecco uno scenario che possa ridare speranza.Riccardo

    RispondiElimina
  35. Devo confessare che un'ipotesi simile piacerebbe parecchio anche a me e condivido il pensiero che sarebbe una soluzione anche buona per la nostra immagine nel mondo. I grillini rappresentano un voto di protesta e tutti abbiamo capito che fosse ora di mostrare un desiderio di svolta ma credo anche che governare un paese non sia uno scherzo...soprattutto in un momento simile e troppo improvvisati senatori e deputati con possano essere in grado di svolgere un lavoro tanto delicato. La protesta c'e'stata ora Pdl Pd e Scelta civica dovrebbero unirsi per il bene del paese.

    RispondiElimina
  36. Grillo e'pericoloso. Come giustamente hai scritto il grande pericolo e'la guerra civile in ogni sua forma dalla piu'limitata alla piu'grande. Era facile in questo momento dire di essere stufi di tutto ma altra cosa e'proporre piani ed idee. Ho quarant'anni ma ho visto la guerra nella ex Jugoslavia e non vorrei mai piu'vedere violenza ne chi la desidera. Gena

    RispondiElimina
  37. Ieri Renzi a Porta a Porta. Ha fatto una fantasica figura. Educato, puntuale, preciso, corretto. Purtroppo un giovane cosi'ha tutti contro per paura.Eli

    RispondiElimina
  38. Prodi candidato per il colle???Nooooo!Ma dai non si puo'vedere!E poi dobbiamo a lui la bella idea del nostro ingresso nell'Euro!Giacinto

    RispondiElimina
  39. Ieri sera a Porta a Porta ho sentito un'ipotesi...per me eccezionale. Sostenevano che una candidatura al Colle di Berlusconi fosse caldeggiata sia da destra che da sinistra...la sinistra ovviamente per indebolire il Pdl. In tale ottica sarebbe auspicabile una candidatura a premier du Renzi. Renzi Presidente del Consiglio e Berlusconi della Repubblica...secondo me sarebbe la quadratura del cerchio.

    RispondiElimina
  40. Quello che sempre di piu'mi sconcerta e'l'arroganza dimostrata da una certa parte della sinistra. Termini come"impresentabili"rivolti agli avversari o "miserabili"rivolti a colleghi di partito che semplicemente esprimono posizioni differenti mi lasciano a bocca aperta.

    RispondiElimina
  41. Si quanto livore,quanta rabbia dalla nostra parte. Ma allora siamo veramente delle nullita'. Forza Renzi. Ti prego salvaci tu.Fede

    RispondiElimina
  42. E'vero!Siamo solo capaci ad insultare!Non mi riconisco piu'in questo pd!

    RispondiElimina
  43. Berlusconi al colle e Renzi Presidente del consiglio. Sarebbe tutto cosi'semplice!Ilaria

    RispondiElimina
  44. La rielezione di Napolitano devo confessare che non mi dispiace:confesso di non averne mai apprezzato il passato politico ma ho, di contro, stimato il Suo comportamento da Presidente. La soluzione proposta da Ilaria certamente mi trovava d'accordo ma bisogna essere realisti ed accettare il fatto che, purtroppo, avrebbe causato eccessive critiche certamente pretestuose ma purtroppo inevitabili.
    La figura di Napolitano penso sia in grado di fornire equilibrio ed imparzialita'.
    Da queste elezioni mi pare si possa dire che sia uscito un grande sconfitto completamente bruciato...Bersani e la sua corrente;una corrente di protesta da considerare come tale ma assolutamente incapace di proporre o governare...i grillini;due vincitorifautori del buon senso che alla fine sta prevalendo.....Berlusconi e Renzi;un ago della bilancia forse politicamente un po'inesperto ma sicuramente degno...Monti.
    Speriamo ora in bene!

    RispondiElimina
  45. E di questo Grillo che continua a sbraitare che ne pensate?Per me si e'bruciato.Stefania

    RispondiElimina
  46. Credo anche io abbia perso la bussola. Ormai lo hanno isolato e lo lasciano parlare tanto piu'parla piu'si brucia.

    RispondiElimina
  47. Oggi si e'anche augurato l'invasione da parte dei tedeschi...e'pazzo?

    RispondiElimina
  48. Cara Giulia ti rispondo con le parole di Albert Einstein pronunciate all'indomani di Hiroshima e Nagasaki:io non so come verra'combattuta la terza guerra mondiale ma so come sara'combattuta la quarta:a colpi di clave e pietre.
    Sempre Einstein disse:due cose sono infinite,l'universo e la stupidita'umana ma riguardo all'universo ho ancora dei dubbi.

    RispondiElimina
  49. Io ho votato Grillo,l'ho fatto per protesta ma ora straccerei la scheda. Fabio

    RispondiElimina
  50. Hai contribuito a dare un segnale importante. Oltre e'evidente che non potra'andare il tuo voto.
    Non credo sia una scheda da stracciare...ma direi da non ripetere visto che quanto dovevi ottenere,credo,lo hai raggiunto.

    RispondiElimina
  51. Oggi ha dichiarato che e'stato non ascoltato il voto di 8milioni di italiani. Dovrebbe sapere che se si tornasse a votare tanti come me che lo hanno votato non lo voteranno piu'a causa dei suoi toni ma soprattutto del fatto che si e'dimostrato assolutamente incapace.Federico

    RispondiElimina
  52. Purtroppo vediamo i primi risultati di questo clima di antipolitica. Come giustamente ha dichiarato il sindaco Alemanno quando per mesi non si fa altro che inveire contro il palazzo e'purtroppo possibile che qualche squilibrato possa commettere gesti inconsulti.Rimane da capire chi gli abbia armato la mano...poiche'se di pazzo conclamato si tratta non e'certo facile che si sia procurato arma e proiettili da solo...

    RispondiElimina
  53. Sallusti ha sostenuto lo stesso pensiero:quando per tanto tempo si individua fisicamente un luogo, il palazzo, come la fonte di ogni sciagura usando termini come "arrendetevi" e'plausibile che un pazzo si lasci trascinare.

    RispondiElimina
  54. Ludovica. Roma28 aprile 2013 14:50

    Si, basta con tutta questa violenza verbale. Prima o poi il pazzo ci scappa e rischiamo il morto.

    RispondiElimina
  55. Condivido a pieno il vostro punto di vista e quello del Sindaco di Roma e del direttore Sallusti.
    Bisogna capire che, quando si vuole assumere un ruolo politico, si debbono dismettere vesti precedenti magari meno...istituzionali ma soprattutto si dovrebbe avere l'intelligenza di comprendere che le proprie parole non sono piu'barzellette ma pietre che possono causare episodi quali quello odierno dove davvero per un puro miracolo non e'scappato il morto.
    Mi associo alla richiesta di cessazione della violenza verbale...prima che si tramuti in violenza fisica ma soprattutto vorrei mandare un Grazie sincero a tutti gli appartenenti alle Forze dell'Ordine che quotidianamente mettono a repentaglio la loro vita in difesa della nostra.

    RispondiElimina
  56. W l'arma!Forza Brigadiere! Grillo taci.Basta. Vogliamo la pace non la guerra!Giuliano

    RispondiElimina
  57. Viva i Carabinieri, la polizia,le forze dell'ordine tutte. Forza brigadiere, sei tutti noi!Dodo e tutta la Romagna!

    RispondiElimina
  58. Non vogliamo piu'carabinieri morti, poliziotti morti!Basta. C'e'tanta violenza senza che qualche esaltato la vada a fomentare.Luigia.

    RispondiElimina
  59. Concordo. Soprattutto credo che, come spesso e'accaduto nella nostra storia, l'Italia,dopo aver toccato il fondo, sia stata capace non solo di rialzarsi ma di rinnovarsi. E'accaduto, in fondo, cio'che col buon senso ci si auspicava: il voto a Grillo e'stato considerato nel suo manifestare protesta e, finalmente, abbiamo un Governo che, personalmente, ritengo degno e rappresentativo.
    E'accaduto cio'che mi auguravo: pdl,pd e montiani uniti a rappresentarci. Guardate che quanto e'accaduto non va sottovalutato ed e' Storia: per la prima volta un Presidente della Repubblica e'stato rieletto ed oltretutto su richiesta del Parlamento e per la prima volta abbiamo un Governo dove le diversita'sono azzerate in nome del bene supremo della Nazione. Sono fiducioso. Mi associo ai ringraziamenti all'Arma, alla Polizia ed alle forze dell'ordine tutte e, per quanto valgono, faccio i piu'sentiti auguri,abbracci ed in bocca al lupo al Brigadiere Giangrande.

    RispondiElimina
  60. Avete sentito la dichiarazione di quel consigliere comunale Grillino a Torino Mi chiedo se siano impazziti tutti e poi Grillo dice che non e'un movimento violento. Scemo io che li ho votati pensando tutt'altra cosa. Giorgio Torino

    RispondiElimina
  61. Forza Brigadiere!Sei noi!Un abbraccio a tua figlia!

    RispondiElimina
  62. Perche'fatti del genere non capitino mai piu'occorre buon senso e soprattutto che i leader non incitino alla violenza.

    RispondiElimina
  63. Ma possibile che qualsivoglia questione personale o giudiziaria berlusconiana debba venire costantemente a galla in momenti politici delicati? Il pdl e'lui e questo credo che i suoi oppositori lo abbiano capito purtroppo. Melissa

    RispondiElimina
  64. Io mi auguro solo che questo Governo, storico davvero per la nuova unita'che rappresenta, non possa essere messo in crisi da logiche fatte di violenza verbale e fisica perche'e'di questo che,probabilmente, siamo tutti stufi.

    RispondiElimina
  65. Sono un docente e devo dire sempre essere stato di sinistra ed antiberlusconiano eppure oggigiorno mi trovo a dovere cambiare idea. Si parla di persecuzione politica e se due indizi fanno una prova devo ammettere che fossi un suo elettore sarei decisamente alterato vedendo che ogni volta lo attaccano per questioni non attinenti alla politica. Oltretutto c'e'da dire che e'forse l'unico che dica cose sensate e da imprenditore. Lasciateci almeno uno con le idee chiare.

    RispondiElimina
  66. Ti do pienamente ragione. Io sono da sempre stato antui berlusconiano ed ai tempi ero anche uno che stimava Di Pietro. Alla fine ho capito che quello che tutti criminallizzavano era un imprenditore che doveva barcamenarsi in un sistema di corruzione e quelli che avrebbero dovuto difenderlo lo attaccavano alla ricerca di notorieta'. Di Pietro ha fatto davvero una pessima figura e Berlusconi e'ancora li' Io non l'ho votato ma credo che chi lo abbia fatto debba avere il diritto di vederlo al governo.

    RispondiElimina
  67. Finalmente qualcuno capace di cambiare idea!Fede

    RispondiElimina
  68. So che sei un lettore de La Stampa. Oggi c'era un interessante articolo sui condannati all'ergastolo e le loro storie. Se lo hai letto vorrei conoscere la tua opinione. Chicca

    RispondiElimina
  69. Si,ho letto. Credo sia un discorso davvero molto complesso. La pena, se non erro, deve avere,nel nostro diritto,tre finalita':quella punitiva, quella preventiva e quella rieducativa.
    Certo la rieducazione e'spesso intesa come reinserimento nella societa'e questo e'sacrosanto laddove possa essere prevista;concordo su quanto detto da quei detenuti quando sostengono che la persona che sta scontando la pena non sia piu'quella di un tempo e questo significa gia'che l'aspetto rieducativo c'e'stato.
    Reputo tuttavia che la certezza della pena sia un deterrente fondamentale nei confronti di chi viva ai margini della legge od oltre.Non e'certo bello leggere di uomini che non potranno mai piu'godere di uno dei beni fondamentali per ogni essere umano:la liberta'. Bisogna,credo, tuttavia valutare la condizione sulla base di quanto da essi compiuto in passato.
    Grazie per avermi scritto

    RispondiElimina
  70. Per continuare il discorso anche su La Stampa odierna c'e'un articolo riguardante la pena dell'ergastolo dove uno psicologo ne parla in modo molto negativo. Vorrei un suo parere.Sergio.Imola

    RispondiElimina
  71. Caro Sergio buongiorno,
    ho letto l'articolo concordando sul punto che privare l'uomo del futuro e della speranza sia forse peggio della morte stessa. Reputo tuttavia che la certezza e la consapevolezza della pena debbano esistere proprio anche come deterrente ad altri soggetti che rischiano di cadere nel baratro del crimine.Indubbiamente si puo'essere umanamente colpiti di fronte ad un uomo disperato e cosciente del fatto che la propria vita sia destinata ad essere da ora per sempre il carcere...bisogna tuttavia andare indietro nel tempo ricordando che, quando quell'uomo ha sbagliato sapeva di farlo e sapeva anche cosa avrebbe rischiato in caso di arresto.
    Non viglio essere eccessivamente duro ma non vorrei nemmeno scivolare in un eccessivo buonismo.
    Ritengo ancora che ogni caso debba essere valutato singolarmente ma i principi vanno conservati.

    RispondiElimina
  72. Da avvocato approvo il ragionamento:consideriamo anche che questa gente non ha avuta troppa pieta'umana quando ha ucciso o fatto altro. Massimo

    RispondiElimina
  73. E quest'ultima sentenza di milano? Pazzesco!

    RispondiElimina
  74. Sono cose che ci fanno perdere fiducia nella giustizia e nella magistratura.

    RispondiElimina
  75. Concordo sul fatto che sia una sentenza scandalosa tuttavia paragonerei il fatto ad altri accadimenti:un prete pedofilo, un chirurgo che impianti valvole cardiache sapendole fallate...Bene:certamente sono accadimenti che ci fanno rabbrividire, esecrabili, per non dire di peggio ma ai quali non dobbiamo concedere la forza di non farci credere nella Chiesa o nella Medicina. La sentenza di oggi su Berlusconi e'certamente un baratro della giustizia del quale dovranno rispondere i giudici colpevoli...perche'di colpa si tratta senza tuttavia infangare il nome di tanti loro colleghi che operano, invece,nel rispetto della Legge, delle regole e della legalita'.

    RispondiElimina
  76. Da avvocato ed uomo di legge approvo le tue parole ed inorridisco davanti ad una sentenza simile.Massimo

    RispondiElimina
  77. Certe sentenze non fanno che confermare la tesi dell'esistenza di un potere politicizzato troppo spesso strumentalizzato.Nicola

    RispondiElimina
  78. Non generalizzerei piuttosto riproporrei la solita considerazione dell'essere umano degli “esseri umani“alla quale nemmeno i giudici si possono sottrarre e cosi'come in ogni categoria ne esistono di buoni e di cattivi.
    Certo e'che come ho gia'affermato in altra sede, certi ruoli sono piu'a rischio di altri...con tutto il rispetto parlando un cattivo calciatore fara'di certo meno danni di un cattivo medico o sacerdote.

    RispondiElimina
  79. Risposta morigerata che piace anche ad un magistrato.Ric

    RispondiElimina
  80. Cosa ne pensate della sentenza di oggi?Vale

    RispondiElimina
  81. Scandalo o giustizia?Mi chiedo:ma Coppi e Ghedini sono completamente matti o i giudici fanno quello che vogliono. Perche'non vedo altra scelta.Gianni

    RispondiElimina
  82. Che merda. Io straccio la tessera elettorale.

    RispondiElimina
  83. Via da questo paese schifoso!Io vado via e porto via la mia famiglia. Peggio della Russia di 30anni fa. Via prima che non ci lascino piu'non solo la nostra liberta'elettorale ma anche proprio la nostra liberta'.

    RispondiElimina
  84. Una domanda:Berlusconi Silvio non ha firmato e chi lo ha fatto e'stato prosciolto per non aver commesso il fatto eppure lo hanno mandato dentro perche'non poteva non sapere. Ma sono completamente matti?

    RispondiElimina
  85. Mi chiedo:ma questi guudici costituzionali qualcuno li controlla? O possono fare il bello ed il cattivo tempo?

    RispondiElimina
  86. Per prima cosa grazie a tutti per avermi scritto. In questi casi entrare nel merito ritengo sia sbagliato, sarebbe troppo facile dare adito a critiche corrette:non si puo'parlare non conoscendo le carte.Vorrei,tuttavia, prendere spunto dai commenti di tre di voi:Gianni,Franco ed Alisa.
    Le domande da loro poste sono unicamente di buon senso e prescindono da tecnicismi.
    Parto da Gianni poiche'e'il primo particolare che ha colpito anche me:due principi del foro con tanto di stuolo di collaboratori ritengono una sentenza nulla ed altri principi(giudici) la reputano assolutamente valida...chi e'in errore?Certo se lo sono i giudici costituzionali essi sono immacolati,imluni da colpa e da punizione!
    Qui la domanda di Alisa:chi sopra a questi giudici onnipotenti?Risposta...nessuno.
    Giudici che, per arrivare a Franco, hanno deciso di condannare chi oggettivamente non ricopriva cariche ne'firmava sulla base di una tesi tanto assurda quanto pericolosa:secondo loro non poteva non sapere.
    Certe situazioni fanno perdere la fiducia e non biasimo Ruggero e Leonardo:per protesta straccerei anche io la mia tessera ma, per il momento mi limito a riporla nel cassetto tanto ho capito che in questo Paese o voti «giusto» o ti cancellano. Mario Catania

    RispondiElimina
  87. Per prima cosa grazie a tutti per avermi scritto. In questi casi entrare nel merito ritengo sia sbagliato, sarebbe troppo facile dare adito a critiche corrette:non si puo'parlare non conoscendo le carte.Vorrei,tuttavia, prendere spunto dai commenti di tre di voi:Gianni,Franco ed Alisa.
    Le domande da loro poste sono unicamente di buon senso e prescindono da tecnicismi.
    Parto da Gianni poiche'e'il primo particolare che ha colpito anche me:due principi del foro con tanto di stuolo di collaboratori ritengono una sentenza nulla ed altri principi(giudici) la reputano assolutamente valida...chi e'in errore?Certo se lo sono i giudici costituzionali essi sono immacolati,imluni da colpa e da punizione!
    Qui la domanda di Alisa:chi sopra a questi giudici onnipotenti?Risposta...nessuno.
    Giudici che, per arrivare a Franco, hanno deciso di condannare chi oggettivamente non ricopriva cariche ne'firmava sulla base di una tesi tanto assurda quanto pericolosa:secondo loro non poteva non sapere.
    Certe situazioni fanno perdere la fiducia e non biasimo Ruggero e Leonardo:per protesta straccerei anche io la mia tessera ma, per il momento mi limito a riporla nel cassetto tanto ho capito che in questo Paese o voti «giusto» o ti cancellano. Mario Catania

    RispondiElimina
  88. Condivido ogni parola. Speriamo che almeno il Colle abbia maggiore intelligenza anche se la soluzione migliore sara'certamente la corte europea. Gustavo

    RispondiElimina
  89. Sono un avvocato, recentemente, quasi per caso ho acquistato Tre bravi ragazzi e ti ho conosciuto come scrittore.Ammetto di essere tesserato dell'odierno Pd tuttavia reputo da uomi di legge questa una sentenza assurda e politicizzata,basata sul nulla e che non puo'che fare male anche alla sinistra.Stefano R Ancona

    RispondiElimina
  90. Per non parlare del fatto che un giudice possa,parlando in italiano improbabile, possa rilasciare qualunque tipo di dichiarazione anche sconveniente senza averne conseguenze. Susan

    RispondiElimina
  91. Al momento sembra che almeno un richiamo lo abbia collezionato!Da non credere!Rudy

    RispondiElimina
  92. Per coloro ai quali interessa esiste un sito:www.forzasilvio.it per chi volesse dare un sostegno...

    RispondiElimina
  93. Mi sono iscritto!Salvo

    RispondiElimina
  94. Qualcuno mi potrebbe commentare la decisione di quel giudice che oggi ha permesso ad un molestatore di una bambina di tredici anni di tornare a vivere a fianco alla vittima? Luca

    RispondiElimina
  95. Si io! Ormai non c'è limite. Se poi sentite le motivazioni vi si rizzano i capelli:e'anziano e non può reiterare il reato! E di quella bambina che si vede tutti i giorni il suo orco li'vicino nessuno si preoccupa! Mi chiedo solo se questa sia la doverosa applicazione della legge perché a me pare la decisione di un pazzo. Gianni

    RispondiElimina
  96. Condivido lo sdegno.Ritengo sia una decisione assurda come,purtroppo, ultimamente se ne sentono tante.

    RispondiElimina
  97. Avete letto il caso del professore di Saluzzo?Non vi pare eccessiva tutta questa omerta'di un paese intero?Alessio

    RispondiElimina
  98. Adesso pero'sembra che la gente abbia iniziato a condannarlo.io vorrei invece sapere quando dovrebbe uscire il prossimo libro che,mi pare di avere capito,sia sulla storia del mostro di Firenze e vorrei anche sapere se sia un libro inchiesta o un romanzo o una cronaca.grazie.emiliano padova

    RispondiElimina
  99. Buona sera Emiliano. Il prossimo libro uscira'entro meta'ottobre e, confermo, concernera'la storia del mostro di Firenze. Non sara'un «libro indagine» ne'un«libro verita'»bensi'un romanzo in cui la cronaca reale sara'affiancata da una storia inventata. Potrete leggere tutta la verita'ad ora conosciuta ricostruita in modo veritiero ambientata in un contesto di fantasia.

    RispondiElimina
  100. Ricordo, da giornalista romagnolo,quella storia ed aspetto con curiosita'l'uscita. Massimo

    RispondiElimina
  101. Io quegli anni li ho vissuti a Firenze da poliziotto e sono in attesa del lubro.Enrico.Fiano

    RispondiElimina
  102. Da giornalista ricordo una realta'di certo manomessa. Massimo

    RispondiElimina
  103. Non parlerei di realta'manomessa poiche'non abbiamo gli strumenti per poterli dire o la presunzione di essere giunti ad una verita'. Parlerei di realta'oscura, complessa ed indecifrabile dove possono essere prese per buone quasi tutte le teorie ed alcuna possibilita'puo'essere eliminata a priori.

    RispondiElimina
  104. Come e'possibile che con l'attuale tecnologia non si riesca ad arrivare a capo di tanti casi?Eleonora.

    RispondiElimina
  105. Cara Eleonora, potrei fare "copia incolla" di cio'che ho risposto ad Eva nell'articolo sul mio libro(post precedente). E'una domanda che mi pongo spesso anche io.

    RispondiElimina
  106. Pero'potremmo dire che se ai tempi si fosse disposto della tecnologia attuale molti casi sarebbero risolti?

    RispondiElimina
  107. A questa domanda, Stefano, posso rispondere,con ragionevole certezza, di si. Ad esempio, fossero anche semplicemente esistiti i cellulari sarebbe stato possibile circoscrivere maggiormente la presenza di determinate persone vicino ai luoghi dei delitti.

    RispondiElimina
  108. Buona sera.Vorrei un parere sulla vicenda che ha coinvolto il ministro Cancellieri.Alberto

    RispondiElimina
  109. Non ne ho, caro Alberto...poiche'sono combattuto.
    La signora Cancellieri mi e'sempre piaciuta tanto che sarei stato felice di una Sua elezione al Colle...questa vicenda mi ha,tuttavia,un po'disilluso.Vedremo.

    RispondiElimina
  110. Tuttavia un povero diavolo potrebbe marcire in galera mentre l'amico di un ministro ha un trattamento di favore.Vale

    RispondiElimina
  111. Pensiero comune. Giorgia

    RispondiElimina
  112. Devo dire a questa discussione che ho molti seguito la difesa della ministra ma non mi ha persuaso.

    RispondiElimina
  113. A me ha persuaso!che era meglio Silvio!!!!!Fede

    RispondiElimina
  114. E oggi anzi l'altro ieri colpaccio di Silvio con l'incontro da Renzi.Ma, secondo voi, e'stato meglio che sia andato lui da Renzi o sarebbe stato auspicabile il contrario?

    RispondiElimina
  115. Ciao Amedeo...mi sbilancio...ma quello che e'accaduto oggi e la possibilita'che Renzi sia il prossimo premier mi da qualche speranza!

    RispondiElimina
  116. Io temo che lo vigliano bruciare. Ale

    RispondiElimina
  117. Sono un ex 5 stelle. Ora mi chiedo se Grillo sia impazzito.Purtroppo non considera che spesso il modo in cui vengono dette le cose e'anche sostanza.Salvatore

    RispondiElimina
  118. Buona sera Salvo. Concordo in pieno. Grazie

    RispondiElimina
  119. Piera De Stefani2 maggio 2014 13:42

    A me piace Piero Pelu'ma secondo me ieri ha sbagliato!Piera De Stefani

    RispondiElimina
  120. E'l'autore di una delle mie canzoni preferite:ragazzo.

    RispondiElimina
  121. Gilberto Ferreri di Castello23 maggio 2014 00:52

    Mi sta venendo voglia di votare Berlusconi non per mancanza di alternativa ma perche'dopo anni in cui ho bruciato il mio voto con le sinistre mi sta diventando simpatico.

    RispondiElimina
  122. Una riflessione:ho sentito da piu'parti chiamare Golpe l'incarico a Renzi ma, se per i precedenti governi post Berlusconi, vi era in effetti un atteggiamento golpista, per una volta credo sisia usato il buon senso.
    Le elezioni costano tanti soldi e, come si e'dimostrato, almeno questa volta l'esito era scontato. Gianni Mormile

    RispondiElimina
  123. Riflessione che mi ha fatto pensare. Era un aspetto che non avevo considerato. Punto di vista accettabile. Cristiano casetta

    RispondiElimina
  124. Intanto su cosa stanno puntando per recuperare qualche soldo?Sulla benzina.Ormai possedere una macchina e'un lusso.Walter Poretti

    RispondiElimina
  125. Caro Walter credo,a malincuore, tu abbia perfettamente ragione.In questo momento, per altro, mi trovo in Sardegna dove posso tranquillamente affermare che il costo sia ancora piu'allucinante. Si, ormai possedere una macchina sembra qualcosa che oscilli tra il lusso e la colpa e pensare che l'industria automobilistica dovrebbe rappresentare uno degli anelli forti della nostra economia.

    RispondiElimina
  126. Buona sera a tutti. Io uso la macchina per andare a lavorare. Sono un giovane avvocato e fatturo 1500 euro al mese. Abito fuori ed ho un costo medio di benzina al mese di 200 euro al mese e 100 di parcheggio. 1500euro fatturate significano un netto di circa 1200. Mangio e dormo a casa a spese dei miei genitori. Volessi risparmiare in benzina dovrei affittare un alloggio. Non e'semplice.Maurizio Saluzzi

    RispondiElimina
  127. Io faccio pratica. Non prendo nemmeno quei soldi ma ho più o meno le stesse spese. Posso dire che anche voi avvocati ci marciate su e chi e'nella mia condizione si sente decisamente sfruttato. Oreste

    RispondiElimina
  128. Federico Caretta25 luglio 2014 23:23

    Perdona e, per cortesia, caro amico. Non credo alcun collega marci sulle vostre condizioni purtroppo anche noi tentiamo di galleggiare tra clienti che non pagano e quanto altro. Il momento e'difficile...ma passera'.

    RispondiElimina
  129. Mai ricordato in venti anni di professione un momento in cui clienti storici facessero storie per parcelle irrisorie. Adesso tutti pretendono ma nessuno e'disposto a pagare ii dovuto. Letizia Cangini

    RispondiElimina
  130. Salvatore Opisano23 agosto 2014 19:46

    Caro collega, almeno di sventura. Sono un commercialista in vacanza nelle campagne toscane dove ho casa. Ho rinunciato a portare la famiglia al mare e se guardo i conti dello studio ho quasi settanta mila euro da riscuotere. Lo stato tutela solo i delinquenti. Salvatore Opisano

    RispondiElimina
  131. Oggi ho fatto quattro passi per Torino: quanti negozi chiusi...serrande abbassate. Mi sa che il bancomat dello stato: noi si sta esaurendo

    RispondiElimina
  132. Federico Filippi9 ottobre 2014 20:48

    Ho avuto per anni un negozio a Torino poi trasferito. Combinazione anche io mi trovo spesso a passare per il centro e la scena è proprio triste. Per anni il comune ha pensato a fare cassa con multe e divieti, questo è il risultato. Adesso per andare in centro bisogna mettere in budget 10 euro a fondo perduto per il parcheggio, diversamente se ne pagano quaranta per la multa. Federico Filippi

    RispondiElimina
  133. Ma, guarda, vivendo anche io a Torino, ti confermo che il costo dei parcheggi, a mio parere, ha influito molto su giri vari per il centro e per negozi . Hanno voluto spingere molto sul discorso "bici" che va bene ma sottrarre parcheggi a raffica a favore di piste ciclabili mi è parso davvero uno scempio!

    RispondiElimina
  134. Angelo Mannarini6 dicembre 2014 19:25

    Di certo un'idea geniale per disincentivare il commercio e la voglia di girare per negozi e noi negozianti ce la prendiamo in quel posto!

    RispondiElimina
  135. Purtroppo ti comprendo benissimo e non posso fare che condividere la tua posizione. Grazie per avermi scritto.

    RispondiElimina
  136. Federica Dafedde13 dicembre 2014 21:18

    Che tristezza un Natale in cui la gente non ha la possibilita'di fare un regalo a chi tiene.Federica Dafedde

    RispondiElimina
  137. Auguro davvero a tutti di potere regalare gioia e sorrisi a mezzo della propria serenita'. Quando un uomo e'sereno ha tutto.

    RispondiElimina
  138. Essere in pace con se stessi è forse il maggiore valore al giorno d'oggi, io penso che quando una persona è in pace con se' sia in pace con il mondo.

    RispondiElimina
  139. Daniela Barberis16 aprile 2015 19:52

    Sono una psicologa e trovo queste parole quanto mai azzeccate. Il problema è molto spesso questo: persone mai in pace con se stesse. Se non si trova un equilibrio dentro di sè è impossibile trovarlo con gli altri.

    RispondiElimina
  140. Care Laura e Daniela credo non vi sia altro da aggiungere, se una persona non è in pace con se stessa non puo'esserlo con gli altri...verissimo

    RispondiElimina
  141. Marco Lazzarino30 aprile 2015 21:09

    Scusate se vi riporto all'articolo di Mario ma avete visto cosa è accaduto oggi a Milano? Qualcuno crede che queste persone possano avere reali motivazioni sociali o politiche oppure sono dei semplici teppisti?

    RispondiElimina
  142. Caro Marco, credo che, a parte le "menti" della cui buonafede mi permetto di dubitare, la maggior parte dei folli partecipanti alle devastazioni di Milano altra ragione non avrebbero saputo esprimere se non quella di quel fesso intervistato e che ha fatto tanto clamore. Il punto è che certamente vi è qualche cellula madre pronta a sfruttare l'ignorante violenza di questi dementi.

    RispondiElimina
  143. Questo articolo che non hai modificato da parecchio tempo, amico mio, risulta molto moderno ed attuale alla luce dei disordini, stragi e maltrattamenti dei quali sono vittime innocenti i profughi siriani. Sono persone come noi, professionisti, imprenditori, gente per bene che scappa da una guerra che ha sconvolto la loro esistenza. Purtroppo questa è la guerra.

    RispondiElimina
  144. Caro Professore, intanto grazie per "l'amico mio" che mi onora....sagge parole.

    RispondiElimina