giovedì 3 ottobre 2013

IL MOSTRO DI FIRENZE. ROMANZO. UNA VERITA'OLTRE LA CASSAZIONE. Ho il piacere di comunicarVi ufficialmente che a breve, entro il mese di ottobre, uscirà il mio quarto romanzo. Si tratta della storia, che forse ricorderete, del Mostro di Firenze rivista e rielaborata partendo dai dati reali e creandovi sopra una vicenda romanzata che può rappresentare, come dice il titolo stesso, una possibile verità ed una diversa interpretazione al di là di quanto stabilito dai processi. Per questo quarto libro mi sono avvalso dell'aiuto di amici poliziotti e magistrati i quali hanno contribuito in maniera fondamentale alla acquisizione delle informazioni storiche e tecniche necessarie.E' stato prezioso l'aiuto del mio amico dott. Francesco Saccomanno in servizio alla procura della Repubblica grazie alla cui consulenza tecnica mi si è aperto un mondo per certi versi inquietante ma di certo interessante. Ringrazio il fraterno amico dott.Riccardo Ghio, Sostituto procuratore della Repubblica in Alessandria, per la nota da lui scritta e lo spunto offertomi. La prefazione sarà, come sempre, a cura dell'amico John Irving al quale sono legato da un'amicizia ormai trentennale. Sperando di averVi fatto cosa gradita Vi saluto. Mario

173 commenti:

  1. Sara'quindi un libro tecnico?

    RispondiElimina
  2. No, sara'un romanzo basato su una storia reale. Tutti i delitti e le modalita'di esecuzione di cui si leggera'sono quelli della vicenda vera attorno alla quale e'stato costruito il romanzo.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera,
      qual è la sua opinione su questa serie di delitti?
      Grazie.

      Elimina
  4. Buona sera, uscira'entro fine mese direi massimo i primi di novembre salvo ritardi. Per rispondere ad Henry62 beh...a costo di deludere non ne ho. Scrivendo mi sono avvalso della collaborazione tecnica dell'amico Francesco Saccomanno del quale ho fatto mie alcune teorie che,tuttavia,di certo,non rappresentano una verita'ma una possibile verita'. Certamente condivido con l'amico Riccardo Ghio l'idea che la verita'processuale non sempre coincida con quella reale e con l'Amico John Irving l'inquietudine per uno dei grandi casi irrisolti della nostra storia.

    RispondiElimina
  5. Esiste una verita'processuale?Roberta

    RispondiElimina
  6. Buona sera Roberta, rispondo con le parole di Francesco Saccomanno dalla nota introduttiva al libro."La storia recente,l'epilogo di importanti processi,ci hanno trasmesso quello che ritengo un incontestabile messaggio:non sempre la verita'storica coincide con la verita'processuale.La vicenda del Mostro di Firenze credo non si sottragga a questa interpretazione, ma ne rappresenti un sintomatico esempio. In effetti,le sentenze giudiziarie che si sono succedute negli anni non hanno,ancora oggi, chiarito quello che sia realmente avvenuto."
    Penso che queste parole del dott.Sacconanno siano esaustive. Nella nota completa al libro le potrai approfondire.Grazie.

    RispondiElimina
  7. Vi chiedo solo come sia possibile con l'attuale tecnologia.Eva

    RispondiElimina
  8. Cara Eva, devo confessarti che questa e'una domanda che mi sono posto anche io. Esiste certamente una componente di omerta'. Se potessi rispondere a questa domanda probabilmente avrei la chiave della verita'che,invece,non mi appartiene.

    RispondiElimina
  9. Forse anche le epoche disponevano di diversa tecnologia. Sabrina

    RispondiElimina
  10. Certamente. In modo molto banale allora non esistevano i cellulari e non era possibile intercettare le celle individuando cosi'i soggetti presenti nelle zone dei delitti.

    RispondiElimina
  11. Quesito:i cellulari devono essere accesi per essere rintracciati?

    RispondiElimina
  12. Questa e'una domanda che rigirero'al dott.Saccomanno e spero di risponderti a breve in modo esaustivo. Per quanto ne so direi di si. Per quanto ne so se un cellulare e'spento la sua cella non puo'essere intercettata, quando viene spento, credo, ma ripeto, credo, sparisce per ricomparire appena acceso. Comunque appena riesco a sentire il dott.Saccomanno o il dott.Ghio ti saro'piu'preciso.

    RispondiElimina
  13. Buona sera Lapo, ti confermo la risposta dopo aver parlato con Francesco Saccomanno.

    RispondiElimina
  14. Non ho compreso come potrebbe essere utile individuare le celle che saranno migliaia in ogni zona. Grazie.

    RispondiElimina
  15. Buona sera Leandro.
    Da quanto posso dire di aver compreso a mia volta, poiche',come ho gia'ripetuto il mio mestiere consiste nello scrivere e gli esperti sono quelli che mi coadiuvano, individuare le celle puo'aiutare a stringere il campo.Ad esempio, se in occasione dei delitti del mostro, si fosse individuata una cella la cui presenza si fosse ripetuta in tutti i delitti...beh questo sarebbe potuto essere un indizio.

    RispondiElimina
  16. Qualcuno ha preso in considerazione la eventualita'che i delitti del mostro non siano solo quelli a lui imputati ma possano essercene stati altri in giro?Alberto

    RispondiElimina
  17. Caro Alberto,devoo dire che mi ha sfiorato l'idea. E'una possibilita',per quanto remota visto che non possiamo conoscere la verita'. Grazie per avere scritto.M

    RispondiElimina
  18. Forse non ho seguito la discussione ma vorrei chiedere se il romanzo parlera'anche di altri delitti oltre quelli del mostro.

    RispondiElimina
  19. Buona sera Erika. Il libro riporta la vicenda, gli accadimenti ed i delitti del mostro. Non capisco se tu ti riferisca ad altri casi italiani od a delitti inseriti nel romanzo...in ogni caso la risposta e'no...tranne un caso marginale.

    RispondiElimina
  20. Ma e'una storia che si e'in qualche modo conclusa?Luca

    RispondiElimina
  21. Buona sera Luca, direi di no,siamo pressoche'al punto zero.

    RispondiElimina
  22. Rivolgerei una domanda al dott.Saccomanno.Ho letto il libro e la sua biografia quindi le chiederei, da poliziotto, che magari ha rischiato la vita per la cattura di un bandito,come puo'accettare di vederlo poi uscire magari per qualche cavillo.Grazie.

    RispondiElimina
  23. Rispondo io per il dott.Saccomanno.
    Ognuno e'giusto faccia il proprio lavoro senza mettere in discussione quello degli altri.

    RispondiElimina
  24. Ho letto il libro. Bello, interessante,pieno di particolari sia storici che sportivi e rapido da leggere. Daniele

    RispondiElimina
  25. Buona sera. Anche io ho letto il libro che ho trovato ben congeniato. La domanda che pongo e'come mai abbiate costruito un finale cosi'al di fuori di ogni riferimento storico.

    RispondiElimina
  26. Caro Roger, abbiamo voluto proprio creare un qualcosa che fosse il piu'possibile discostato da quanto fino a questo momento era stato detto e scritto. Mi permetto di ricordarti che vi sono molti riferimenti storici anche nel finale il quale e'tuttavia, di certo, avulso da quanto e'stato precedentemente scritto.

    RispondiElimina
  27. Ho assistito alla presentazione al Comune di Salice d'Ulzio. Interessante e ben curata. Complimenti a lei ed al suo collaboratore estremamente puntuali e preparati.Roby

    RispondiElimina
  28. Finito di leggere!Bello, gradevole per adulti ma anche per ragazzi. Dodi

    RispondiElimina
  29. L'ho letto io poi mia figlia di diciannove anni ed e'piciuto, anche se per aspetti diversi,ad entrambe.

    RispondiElimina
  30. Credo anche io sia un romanzo per tutte le eta'.Chi ha vissuto o comunque ricorda la vicenda lo vede in un aspetto, i piu'giovani da un altro punto ma sempre coinvolgente.Alessio

    RispondiElimina
  31. Finito da poci. Bello non scontato. Bravo!

    RispondiElimina
  32. In questi giorni si parla della scomparsa di Natalino Mele. E'il bambino del primo delitto?La mia domanda e':come mai quando ha chiesto di essere sottoposto ad ipnosi non glielo hanno concesso?

    RispondiElimina
  33. Buona sera john. Si e'lui. L'ipnosi regressiva non e'stata ritenuta uno strumento attendibile al di la'di ogni dubbio.

    RispondiElimina
  34. Leggendo il suo libro pare comunque che questo non sia stato il solo svarione nelle indagini!Debora

    RispondiElimina
  35. L'idea portata di un coinvolgimento della Chiesa, e'con fondamenti storici o solo una scelta romanzata?Sara

    RispondiElimina
  36. Cara Sara, unicamente una scelta romanzata infatti questo e'un aspetto mai toccato nelle indagini.

    RispondiElimina
  37. Valerio Pastore28 gennaio 2014 23:34

    Buona sera, ho finito di leggere ora il suo romanzo.Molto coinvolgente ed interessanti i riferimenti storici complimenti a Lei che mi ha appassionato con Tre bravi ragazzi e si e'confermato con questo ed al Suo collaboratore.Willy

    RispondiElimina
  38. Grazie per i complimenti...fanno piacere.

    RispondiElimina
  39. Massimo Donati1 febbraio 2014 19:24

    Buona sera dott.Catania, ho letto tutti e quattro i suoi romanzi e noto quello che lei ha scritto nella sua biigrafia, una crescita. A livello tecnico di scrittura indubbiamente Il mostro di Firenze e'il migliore ma quello che mi ha appassionato di piu'e'La scelta.
    Vorrei sapere lei ne pensa.
    Massimo Donati

    RispondiElimina
  40. Buona sera Massimo, concordo sul fatto che Il mostro di Firenze possa apparire il piu'curato e cio'concorda,appunto,con quanto da me detto ed auspicato.Sono legato a tutti e quattro i romanzi anche se il mio preferito e'Tre bravi ragazzi.
    Grazie.
    M

    RispondiElimina
  41. Sono un tuo lettore.concorde sulla crescita. Per chi ti conosce c'e'un po'di te in tutti i libri o sbaglio?Riccardo

    RispondiElimina
  42. Perdona il ritardo nella risposta ma ho ricominciato a scrivere ed ogni tanto mi assento. Non sbagli. Un po'di me c'e'in ogni libro:pasdioni,esperienze,luoghi...
    Scrivo di cio'che conosco e parlo di cio'che so!
    Grazie.M

    RispondiElimina
  43. Comprato Il mostro di Firenze e finito in tre giorni. Piu'bello dalla meta'in avanti e forse troppo concentrate le parti storiche ma nel complesso do un sette all'otto.Non mi ha deluso.Felice

    RispondiElimina
  44. Cristiano Carelli20 febbraio 2014 22:57

    Io penso che potessi dare di piu'. Mi e'parso un po'inferiore a Tre bravi ragazzi che pero'reputo uno dei dieci libri piu'belli che io abbia letto.Cristiano

    RispondiElimina
  45. Grazie sia x la critica che x il complimento!

    RispondiElimina
  46. A me invece ha intrigato moltissimo,piu'dei precedenti che ho letto.Ferdinando

    RispondiElimina
  47. Buona sera. Ho una domanda.Mi interessa il rapporto scrittore/poliziotto.Vorrei sapere quale sia stata la divisione dei ruoli in questo libro e quale pensi sia in futuro.Enrico Carli

    RispondiElimina
  48. Buona sera Enrico. La suddivisione dei ruoli e'proprio quella da te prospettata. Lo scrittore scrive ed inventa la storia,la trama,le situazioni che l'investigatore rilegge,controlla e corregge tutto dove gli possa sembrare che quanto descritto non sia molto realistico e veritiero. E',in sostanza, un connubio che garantisce al lettore la possibilita'di leggere un romanzo veritiero e preciso nelle sue descrizioni tecniche e nelle parti criminologiche ed investigative.

    RispondiElimina
  49. Come suo lettore devo ammettere che quest'ultimo romanzo mi e'parso proprio molto curato sotto l'aspetto tecnico ma devo confessare che il mio preferito rimane Tre bravi ragazzi.Leonardo Bentivoglio

    RispondiElimina
  50. Buonasera Sig. Mario,
    siaMo una coppia che ha letto il Suo libro e nell'esprimere giudizio davvero positivo per la storia parecchio coinvolgente nella sua disanima, vorremmo sollevare solamente un appunto per quanto concerne l'eccessiva sensazione di lusso.

    Cordiali saluti,
    Michele & Cristina

    RispondiElimina
  51. Buona sera Cristina e Michele. Vi ringrazio innanzitutto per avere letto i libro poi voglio ringraziarVi tanto per gli apprezzamenti quanto per l'appunto. Come ho scritto spesso "scrivere e'un po'sognare"...e chissa'cosi'scrivendo sogno un po'anche io!

    RispondiElimina
  52. Ciao. Io, conoscendoti, penso che ci siano delle note autobiografiche ma in assoluto e'bello leggere di posti conosciuti.Alessandro

    RispondiElimina
  53. In ogni mio libro c'e'qualcosa di me. M

    RispondiElimina
  54. Buona sera. Ho terminato Il mostro di Firenze.Veloce da leggere e piacevole. Ho una domanda.Quando raccontata delle indagini e dei delitti si rifa'alla storia vera o anche quello e'romanzato?Aldo Steffi

    RispondiElimina
  55. Buona sera Aldo. Le parti "storiche"sono la verita'risultante dagli atti. Grazie.

    RispondiElimina
  56. Voglio unirmi ai complimenti per la storia in se'e per l'idea. Raccontare la storia romanzandola e'un'idea eccellente. Federico Aicardi

    RispondiElimina
  57. Ciao. Mi associo:bello, veloce da leggere e fedele nella ricostruzione storica. Lello

    RispondiElimina
  58. Io ho letto Ricatto alla chiesa e Il mostro di Firenze. Mi piacerebbe un seguito di entrambi.Giulio

    RispondiElimina
  59. Buona sera Giulio. Ci sto pensando e non lo escludo.Grazie

    RispondiElimina
  60. Mario Balduzzi19 aprile 2014 22:24

    Buona sera. Sono un suo lettore. Mi piacerebbe molto un seguito di ricatto alla chiesa. Vorrei sapere se si tratta di un progetto cobcreto.Mario Balduzzi

    RispondiElimina
  61. Buona sera. Al momento sto scrivendo due libri(uno wuello di Martina) ed ho in testa un terzo progetto per cui il seguito di Ricatto alla Chiesa,che mi piacerebbe scrivere,non e'imminente. Grazie.

    RispondiElimina
  62. Buon giorno ho letto, consigliato da amici il suo libro e vorrei fornirle il mio parere sulla lettura.
    Il libro è un susseguirsi di alti e bassi in cui brilla l'aspetto tecnico investigativo e gli aspetti crono giudiziari ma altresì la vicenda fatica a decollare annacquata dalle descrizioni culinarie, lussi eccessivi a volte fastidiosi stante il periodo e incursioni di animali vari.
    Troppo fumo e poco arrosto che in verità di arrosto ce ne sarebbe stato, bella l'idea del finale ma liquidata troppo velocemente almeno secondo il mio parere.
    I giallisti o scrittori di noir di cartello evitano ciò che non è assolutamente necessario e distoglie l'attenzione dal cuore della vicenda.Ottima la tecnica di scrittura e le incursioni culturali, buona l'idea, complessivamente il libro poteva essere più coinvolgente tenedo il lettore più legato alla vicenda centrale investigativa, ce lo aspettiamo nel prossimo libro. Grazie Cordiali Saluti

    RispondiElimina
  63. Buona sera.Accetto le critiche...piu'o meno condivisibili...de gustibus. Non le apprezzo se coperte dall'anonimato. Con i migliori saluti.

    RispondiElimina
  64. Desidero ancora aggiungere un particolare. Per me scrivere e'vita,piacere personale. Per questa ragione, prima di tutto scrivo per me stesso e, questa, e'di certo una pecca...ma nessuno e'perfetto..Sinceramente non penso di compiacere alcuno, d'altro canto non potrei soddisfare i gusti di tutti...(c'e'anche chi ha trovato un plus valore cio'che lei ha definito annacquare...)...se non i miei personali. Cio'che lei ha appunto definito "annacquare"io lo chiamo..."condire". Detto questo la ringrazio di cuore per avere avuto la pazienza di leggere per intero il mio libro ma...aime'la devo deludere:il mio stile e'questo e...non credo lo cambiero'.Le mando una stretta di mano.
    Mario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno scusi il ritardo le volevo rispondere riguardo all'anonimato che sceglierei per motivi un po' più seri e non per una blanda critica ad un libro, ma trattasi di una tecnicallity di Google che riconoscendomi come autore di un Blog realizzato con Blogger non ritiene di farmi presentare in quanto soggetto conosciuto, pratica informaticamente conosciuta come trusting, comunque mi chiamo Claudio.
      Per il resto ritengo che quando si mette in commercio un proprio scritto l'autocompiacimento deve mediarsi con una tecnica di esposizione che abbia una sua razionalità e forma artisticamente piacevole.
      Auguri per il prossimo libro. Cordiali Saluti

      Elimina
  65. Mi chiamo Mario Cangini. Ho Trentasette anni e non leggo molto, anzi, leggo molto poco. Anche a me il libro e'stato consigliato da amici ed ho apprezzato molto cio'che il signore anonimo ha definito annacquare. Sara'perche'io amo piu'i film dei libri e scelgo il film in base alla fotografia ma, dopo aver letto il Mostro ho comprato Tre bravi Ragazzi e Ricatto alla Chiesa e li ho letti apprezzandone la fotografia piu'simile alla sceneggiatura di unfilm che ad un libro. Mario Cangini

    RispondiElimina
  66. Buon giorno Mario, ringrazio per i complimenti cge apprezzo in modo particolare poiche'anche io, di solito, scelgo un film anche/soprattutto per la fotografia. Hai toccato un punto a me caro proprio perche'io tendo a curare certi particolari al fine di dare "una fotografia" ai miei libri. Concordo, comunque anche sul fatto che non a tutti possano piacere le stesse cose, ragione per la quale, come ho detto ho assolutamente compreso le critiche fattomi.

    RispondiElimina
  67. Sandro Ulivieri3 maggio 2014 22:48

    Sarebbe possibile avere un incontro al Salone di Torino?Sandro Ulivieri

    RispondiElimina
  68. Certamente.Mi contatti ai recapiti del mio sito.Grazie

    RispondiElimina
  69. Gentile Mario, ho acquistato il suo libro al salone venerdi'e l'ho terminato nel we. Bello. Con il grande pregio di rendere leggera una storia drammatica dei nostri giorni. Complimenti. Federico Galimberti

    RispondiElimina
  70. Mi associo ai complimenti di Federica. Avevo il dubbio di leggere un saggio mentre la bella sorpresa e'stata leggere una storia romanzata picevole e discorsiva anche per una come me non addetta ai lavori.Valentina Millotti

    RispondiElimina
  71. Grazie Valentina. Era il mio scopo!

    RispondiElimina
  72. Piero Restore.23 maggio 2014 00:49

    Buona sera. Ho finito in questo momento il libro comprato al salone. Non leggo molto. Questo e'il secondo libro che sono riuscito a finire da anni a questa parte. Forse anche perche'data la mia eta'e'stata una storia che ho vissuto in prima persona. L'ho trovata molto ben congeniata e bella da leggere perche'veloce. Sono un amante dell'arte dell'equitazione ed ho particolarmente apprezzato le parti a riguardo molto descrittive.

    RispondiElimina
  73. Buon giorno e grazie. Il fatto che uno come te che non legga molto sia riuscito a finire un romanzo mi fa un grande piacere. Ti ringrazio anche dei complimenti...e mi fa oltremodo piacere sapere che tu sia un "collega" cavaliere.

    RispondiElimina
  74. Ti ho scoperto al salone di Torino. Ho acquistato anche tre bravi ragazzi. Se al mostro di Firebze do un bell'8 all'altro do 10!Zaira Sesiste

    RispondiElimina
  75. Ho seguito la trasmissione su radio Reporter e l'ho trovata giovane e simpatica. Su di te non avevo dubbi ma anche i confuttori mi sono piaciuti. Gabriele

    RispondiElimina
  76. Ho scoperto la radio ascoltandoti e mi e'piaciuta. Penso la ascoltero'anche in seguito. Teresa

    RispondiElimina
  77. Ti ringrazio. Devo ammettere di essermi molto divertito in radio e spero di continuare l'esperienza.

    RispondiElimina
  78. Bella anche CRIME.Interessante tu e i conduttori. Particolare l'atmosfera "dark"ma sempre giorbalisticamente ricercata. Guglielmo Natoli

    RispondiElimina
  79. Buona sera dott.Catania. Lei certamente lavorando con poliziotti,giornalisti e magistrati sara'piu'abituato a leggere e sentire di queste scempiaggini. Io vorrei da lei in ogni caso un parere sul padre che ha ucciso la sua famiglia per liberarsi di tutto. Io credo nella pazzia umana. Massimo Donati

    RispondiElimina
  80. Buona sera Massimo. Beh, credo la migliore risposta alla Sua domanda l'abbia data Lei stesso:la pazzia umana. Si, e'vero, lavorando con poliziotti, magistrati e giornalisti mi rendo conto quotidianamente di quale possa essere il limite(che purtroppo credo non esista) della pazzia ed atrocita'dell'uomo. Un parere non ce l'ho, non sono uno psichiatra e, devo ammettere, di essere rimasto basito leggendo i dettagli della notizia.

    RispondiElimina
  81. Mi inserisco nella discussione. Sono un carabiniere e vi garantisco che tanti sottovalutano il nostro lavoro ed addirittura ci prendono in giro. Pero'vi garantisco che come dite voi la follia umana non ha limiti.

    RispondiElimina
  82. Gianni Gubernati23 giugno 2014 19:50

    Io trovo ancora piu'atroce quello della Gambirasio.Qui almeno il matto e'crollato subito li'ha addirittura retto 4anni senza scrupoli di conoscienza.

    RispondiElimina
  83. Da poliziotto posso tranquillamente affermare che vi siano molti omicidi irrisolti dei quali killer o mandanti non si sono mai fatti scrupoli e conducono una vita normale.Gianni

    RispondiElimina
  84. Buon giorno Gianni, "lavorando"con un Vostro collega, anche se solo, logicamente per la mia professione ossia scrivere, sto davvero realizzando la verita'di queste parole. Credo realmente Voi abbiate l'occasione di vedere,purtroppo, realta'davvero allucinanti.

    RispondiElimina
  85. Vorrei anche ricordare quanti casi ancora irrisolti vi siano nella storia della criminologia. Fedele

    RispondiElimina
  86. Clementina Campioni11 luglio 2014 00:17

    E questo mi fa nascere una domanda:come sia possibile tutto questo con la tecnologia attuale?

    RispondiElimina
  87. E questo fa pensare considerando i progressi della medicina e della tecnica investigativa.

    RispondiElimina
  88. Forse quelli che uccidono senza premeditare ma quasi per caso sono quelli più difficili da scoprire. Serena

    RispondiElimina
  89. Credo,cara Serena, che non sia detto che le cose vadano cosi'. Sicuramente senza premeditazione manca tutta una parte di pianificazione del delitto che puo'essere addirittura fondamentale nella comprensione del disegno e della mente criminale. Tuttavia devi anche calcolare una sorta di "impreparazione"al male che, spesso, fa sorgere rimorsi e paure che, consciamente od inconsciamente, possono portare a delle vere e proprie confessioni.

    RispondiElimina
  90. Bisogna considerare anche la componente"follia umana" e "dissociazione". Nella mia esperienza di psicologa posso dire di averne individuate in numerosi casi. Cristiana Barberi

    RispondiElimina
  91. Cara Cristiana, sono perfettamente d'accordo con quanto sostieni tu. La follia e'una componente spaventosamente presente in certi casi di delitti;una componente che rende il soggetto assolutamente incontrollabile.

    RispondiElimina
  92. Davide Salvini25 luglio 2014 23:19

    Sono un avvocato penalista e, essendomi capitato in carriera di dover difendere qualsivoglia tipo di criminale, posso unicamente asserire che la componente -《irrazionalita'/e/o follia》siano le maggiormente incontrollabili perche'sfuggono alla stessa volonta'dell'autore del crimine

    RispondiElimina
  93. Caro Davide, assolutamente si. Le mie parole venivano, infatti, anche dall'esperienza maturata lavorando con gli investigatori.

    RispondiElimina
  94. Sono una donna e parlo da donna. Noi ci sentiamo ancora piu'indifese in mezzo a tanta violenza. La nostra tutela sembra piu'obbligata che necessaria. La violenza degli uomini cispaventa tanto chesia verbale quanto fisica.

    RispondiElimina
  95. Purtroppo non posso che prendere atto. Personalmente sono profondamente "femminista" reputo che tanto nel mondo umano quanto in quello animale la femmina abbia qualcosa in piu'.

    RispondiElimina
  96. Sono d'accordo! Bravo!

    RispondiElimina
  97. Venanzio Frigato9 agosto 2014 22:11

    Posso chiedere da cosa lo deduce?Venanzio Frigato

    RispondiElimina
  98. E'solo una mia personalissima opinione/constatazione. Non voglio dire che noi uomini non siamo intelligenti ma, sicuramente meno concentrati, precisi, puntuali. Lo deduco dalla mia personale esperienza.

    RispondiElimina
  99. Da donna non posso checonfermare. Siamo dueintelligenze diverse. Giuliana

    RispondiElimina
  100. giulio gasperetti26 agosto 2014 22:02

    Ho da poco finito di leggere il libro. Complimenti. Desidero porre una domanda: qual'e'stata la parte piu'coinvolgente e scioccante della vicenda? Giulio Gasperetti

    RispondiElimina
  101. Bella domanda....che, tuttavia, dividerei in due parti. La piu'coinvolgente per certo quella della ricerca , della comprensione...del tentativo di comprensione, della mente di questo/questi tizi. La piu' scioccante quella in cui mi sono reso conto che non avrei mai potuto ragiungere la follia di menti tanto malate e perverse. A quel punto ho compreso come il Male possa davvero esistere.

    RispondiElimina
  102. Giulio Valentini30 agosto 2014 19:49

    Ho letto tutti e quattro i suoi romanzi. Trovo una crescita, nel senso che l'escalation di violenza pura e'andata di volta in volta diminuendo. Da tre bravi ragazzi ha poi ringraziato le forze dell'ordine per la collaborazione. Questo mi ha fatto pensare. Mi sono detto: ma allora quello che leggiamo e'reale?

    RispondiElimina
  103. Un suo parere su queste richieste del cadavere di pacciani, di consegnarlo.Amedeo De Luca

    RispondiElimina
  104. Caro Amedeo , conosco la vicenda per quanto riportato dai media, quindi non posso andare piu'a fondo. Grazie

    RispondiElimina
  105. L'ho conosciuta a Cervinia, se si ricorda, ho comprato il libro a Genova tornato a casa. L'ho iniziato ieri e finito oggi:bello, a tratti dolce e romantico, denso di cronaca. L'ho consigliato. Sandro Lepori

    RispondiElimina
  106. Arrigo Bentivoglio8 settembre 2014 22:47

    Libro tecnico e leggero allo stesso tempo. Veloce da leggere ma non penso da scrivere. Arrigo Bentivoglio

    RispondiElimina
  107. Buona sera Arrigo. Devo ammettere che, scrivendo di cronaca e storia, il timore di mettere nero su bianco informazioni errate c'è sempre.....fortunatamente sono davvero ben coadiuvato....l'esperienza di chi collabora con me è davvero pesante!Grazie per il commento.

    RispondiElimina
  108. Buona sera Mario. Bello, geniale, coinvolgente. Tecnico il giusto e mai scontato. Mi piace il suo modo di scrivere. Lamberto Gili

    RispondiElimina
  109. Buona sera Lamberto. Grazie mille per i complimenti...fanno sempre piacere.

    RispondiElimina
  110. Alessandro Gamba17 settembre 2014 17:50

    Mi associo ai complimenti Mario. Bello , coinvolgente. Alessandro Gamba

    RispondiElimina
  111. Grazie davvero. Ma criticate anche eh....non mi offendo!

    RispondiElimina
  112. Arriva la critica. Nel romanzo si legge della realtà storica della quale non ci è dato conoscere la fine che si mischia con una realtà romanzata della quale non sappiamo quanta attinenza vi sia a fatti reali. Insomma...bello, veloce da leggere, bella penna ma...lascia un dubbio da non dormire di notte. Silvano Ferrari

    RispondiElimina
  113. Caro Silvano, lo stesso e'accaduto a me. Non esiste una parola fine alla vicenda ed e'stata questa la ragione per la quale ho potuto scrivere questo romanzo e...inventare la mia reata'. Lo stesso dubbio ha attanagliato me leggendo le cronache della vicenda....il dubbio di avere scritto qualcosa di plausibile, realistico. Dove non c'e'conoscenza della realta'tutto puo'essere....Posso solo dirti di avere rispettato la realta'storica, il resto, come recita i disclaimer e'frutto della fantasia dell'autore.

    RispondiElimina
  114. Gustavo Crisafulli23 settembre 2014 00:36

    Il libro è plausibile. Per certo avresti dovuto scrivere non trecento ma tremila pagine per dare l'immagine di una realtà piu' vera. Comunque un bel lavorp, Gustavo crisafulli

    RispondiElimina
  115. Ciao. Grazie, si diciamo che ho cercato di essere conciso! Certo hai ragione avessi voluto avrei potuto scrivere mille pagine.

    RispondiElimina
  116. Le avrei lette volentieri, in meno di una settimana, credo. Ho letto il libro in due giorni:bello, coinvolgente,veloce da leggere. Rudy Valle

    RispondiElimina
  117. Grazie. E'bello sapere che chi inizia una lettura la porta a termine con piacere.

    RispondiElimina
  118. Penso di avere il record. Iniziato la mattina, finito la notte. Di veloce e facile lettura, mi sono poi er così dire, "studiato" le parti storiche appuntandomele e rivedendole. Daniele Pesaresi

    RispondiElimina
  119. Massimiliano Zito7 ottobre 2014 19:49

    Mi associo per averlo trovato tecnico ma di facile lettura oltre che divertente in alcune sue parti. Congratulazioni. Massimiliano zito

    RispondiElimina
  120. Beh grazie Max. Quanti complimenti...poi mi ci abituo;)

    RispondiElimina
  121. Il ruolo del suo collaboratore, di preciso quale e'? Si limita all'analisidelle situazioni oppure entra nel merito della storia?Sa perche'lo chiedo? Ho trovato molto preciso nei dettagli il tutto ma anche intssanti le situazioni create.Mi unisco ai complimenti.Felice Donati

    RispondiElimina
  122. Allora. In Tre Bravi Ragazi il dott. Saccomanno ha letto il testo indicandomi, a livello Tecnico investigativo, alcuni particolari che, magari, nella mia descrizione non erano troppo precisi od attinenti alla realtà di una investigazione....la stessa cosa che ha fatto il dott. Cayani riguardo all'incidente di macchina descritto. Sul Mostro di Firenze il dott.Saccomanno mi ha invece fornito tutta la documentazione storica necessaria sulla base della quale lavorare;io poi ho inventato i personaggi e la trama e scritto il libro il quale poi è stato nuovamente supervisionato nelle parti tecnice dal dott.Saccomanno. Una collaborazione che, come puoi vedere cresce. Grazie.

    RispondiElimina
  123. Ferruccio Finessi15 ottobre 2014 21:02

    Desidererei sapere se vi sia in uscita anche un libro giallo oltre a quello che attendo con ansia di Martina. Ferruccio Finessi

    RispondiElimina
  124. Si, certo. In uscita per febbraio 2015.

    RispondiElimina
  125. Riguardera'ancora un caso italiano? Sabrina Dennni

    RispondiElimina
  126. Buona sera Sabrina.La storia sarà ambientata in Italia ma questa volta sarà di pura fantasia senza alcun cenno a fatti od accadimenti reali. Grazie.

    RispondiElimina
  127. Melchiorre Sabino29 ottobre 2014 20:31

    Quindi l'idea di affrontare il caso Orlandi l'ha accantonata?

    RispondiElimina
  128. Buona sera. Si....troppo oltre le mie possibilità....Questo romanzo comunque toccherà, come sempre, realtà dei nostri giorni. Grazie per avermi scritto.

    RispondiElimina
  129. Mentre compravo quello di Martina mi ha incuriosito Tre Bravi Ragazzi che vado ad iniziare ora! Martina...finito....Sono sempre Vanessa:)

    RispondiElimina
  130. A me e'capitato lo stesso ho comprato il Mostro di Firenze mentre acquistavo quello di Martina. Era mercoledi' e ora li ho finiti entambi. Complimentissimi!Giole Fagni

    RispondiElimina
  131. Buona sera Gioele. Questa sera sono stato alla presentazione dell'ultimolibro di Bruno Gambarotta: Ombra di Giraffa. Presentandolo ha parlato delle fiction sottolineando proprio aspetto di sempre maggiore incongruenza con la realtà. Nei miei libri, avvalendomi della collaborazione con polizia e Pm, spero davvero sia apprezzato il valore aggiunto del dare in tutto quello che concerne l'aspetto indagine-ricerca-azione il massimo dell'attinenza alla realtà.

    RispondiElimina
  132. Lo ha notato chiunque lo abbia letto. Una precisione nei dettagli che davvero rende onore alla verità e che aggiunge molto all'aspetto culturale: chi la legge sa di immagazzinare realtà vere e non immaginarie
    Se la televisione fosse precisa ed attenta come i suoi libri l'assistere ad uno sceneggiato potrebbe essere l'occasione per crescere in cultura. Gioele.

    RispondiElimina
  133. Che bel complimento! Grazie di cuore. Ho parlato appunto di questo con il signor Gambarotta ed è poprio questo il valore aggiunto che vorrei potere regalare ai miei lettori.

    RispondiElimina
  134. Ho comprato il Mostro di Firenze la scorsa settimana ma non ci ho messo una settimana per leggerlo perchè l'ho iniziato l'altro ieri quindi ci ho messo due giorni. Lei scrive in modo molto facile e veloce da leggere ma il valore aggiunto penso sia prioprio quello che dice il signor Gioele; il sapere che lei si avvale della collaborazione di professionisti delle indagini fa si che chi legga abbia la netta percezione e la consapevolezza di sapere di acquisire nozioni veritiere. Complimenti.

    RispondiElimina
  135. Grazie di cuore. Si...questo è proprio il valore aggiunto che vorrei fosse sempre considerato.

    RispondiElimina
  136. Antonello Dastino10 dicembre 2014 19:23

    Avrei una domanda: ho letto Tre Bravi ragazzi ed ho visto che anche lì ringrazia il dottor Saccomanno. L'episodio del marocchino ucciso con una bottiglia in spiaggia dai ragazzi ed il fatto che siano rimasti impuniti è davvero realistico e se si coem si giustifica? Grazie.

    RispondiElimina
  137. Buona sera Antonello...si...quello è il primo caso di collaborazione con il dott. Saccomanno che, mi ricordo, contattai proprio nell'occasione di quella fattispecie. La risposta alla medesima domanda fu che....in assenza di una Banca dati del DNA ...si la situazione rappresentata è realistica e mi spiego. Nei cocci di bottiglia sarà per certo rimasto del DNA dell'autore del delitto ma se questo non è schedato sarà impossibile risalirvi. Siccome non esiste una banca dati del Dna per persone che non siano schedate risulta, nella fattispecie rappresentata, impossibile risalire all'autore.

    RispondiElimina
  138. Alessio Giannini13 dicembre 2014 21:15

    Mi sembra che sia stata usata la tecnica della schedatura nel caso di Gambirasio o sbaglio? Alessio Giannini

    RispondiElimina
  139. Allora Alessio, dobbiamo chiarire che esiste una banca dati delle impronte digitali ma non del DNA. Nel caso Gambirasio ne è stata creata una, si ma...di cittadini che VOLONTARIAMENTE si sono sottoposti ad esame ed hanno lasciato il loro DNA. Si è poi giunti all'attuale conclusione ( che ti ricordo non è ancora definitiva) grazie all'analisi di DNA compatibili.

    RispondiElimina
  140. beniamino Ferranti20 dicembre 2014 19:33

    Non crede chè nel caso specifico chi non abbia voluto sottoporsi al test possa anche avere dato adito a sospetti?

    RispondiElimina
  141. Possibile...ma di certo le indagini hanno seguito ben diverse strade rispetto al semplice sospetto ipoteticamente destato da chi non si sia volontariamente sottoposto ad un esame....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ferdinando Giachino27 dicembre 2014 12:27

      Reputa che con le tecnologie attualirebbe possibile o stato possibile individuare il colpevole?

      Elimina
  142. Buona Sera Ferdinando. Beh diciamo che con le attuali tecnologie sarebbe stato possibile agganciare le celle dei cellulari e restringere di molto il campo dei sospetti.

    RispondiElimina
  143. Inccuriosito da una brutta recensione tanto sul blog quanto su Amazon e dopo avere letto TRE BRAVI Ragazzi ho acquistato e letto Il mostro di Firenze. Dire che la storia non sia rispettata mi pare un'eresia dato che per molte parti il libro sembra piu' una precisa cronaca che un romanzo. Sul fatto poi di leggere di macchine, vini e tavola credo questo sia un marchio di fabbrica voluto. A me è piaciuto. Oscar Fabia

    RispondiElimina
  144. Grazie! Si, ovviamente ho letto anche io quelle recensioni....con tristezza non perchè non voglia accettare le critiche che, anzi, reputo mi aiutino a crescere. Io, come ho scritto sul mio profilo, non nasco scrittore e sto imparando il mestiere...sulla mia pelle. Le recensioni a cui Tu fai riferimento mi sono, tuttavia, parse estremamente cattive, per no dire incattivite e faziose...Di questo mi sono dispiaciuto ma...tant'è. Sul..."marchio di fabbrica" ...hai assolutamente ragione Tu. Grazie per avermi scritto.

    RispondiElimina
  145. Alessandro Martin Fasaro7 febbraio 2015 00:00

    Letto Vi vedo al buio. Letto il Mostro di Firenze. Ammetto di essere condizionato dal mio amore per sci e cavalli ma trovo geniale il fatto di conciliare giallo, cronaca, sport, macchine. Mi sono piaciuti.

    RispondiElimina
  146. La ringrazio di cuore...come dico sempre per me scrivere e'un po'sognare...

    RispondiElimina
  147. Arnaldo Fognini9 febbraio 2015 23:50

    E permetti di sognare a chi legge.Io ho sceltoi tuoi romanzi proprio per le ambientazioni, per le macchine, per le case, perche'mi facevano sognare ed anche questo ultimo non mi ha deluso. Sempre piu'bello. Le trame poi sono avvincenti , ben congeniate ed in Vi vedo addirittura geniali. Bravo.

    RispondiElimina
  148. Caro Arnaldo ti ringrazio di cuore...anche e soprattutto perche'reputo tu abbia realmente compreso e...condiviso con me le spirito dei miei libri e del mio scrivere. Come ho gia'avuto modo di dire sul mio sito....per me scrivere e'anche sognare...e ti ringrazio doppiamente poiche' tu leggi i
    miei libri con lo stesso spirito con il quale io li scrivo.

    RispondiElimina
  149. Gaetano Pinelli16 febbraio 2015 21:26

    Io ho finito il Mostro dopo avere letto Tre Bravi ragazzi. Non condivido le critiche sul "tanto fumo e poco arrosto" credo che ci sia si del condimento, ma alla fine stiamo parlando di romanzi non di libri tecnici ma anche molta attenzione alla realisticità dei dettagli.

    RispondiElimina
  150. Grazie Gaetano. Concordo a pieno soprattutto riguardo al fatto che si tratti di romanzi che, quindi, come detto nel disclaimer stesso...ogni riferimento è puramente casuale...e così deve essere . Vi è, come avrai letto, una parte di "cronaca raccontata dai protagonisti" e quella è storia, quindi non credo il romanzo possa essere tacciato, appunto, di poca veridicità storica, per il resto, appunto, è un romanzo!

    RispondiElimina
  151. Fabiola Savoldello25 febbraio 2015 21:40

    Io lo avrei addirittura preferito piu'romanzato e meno storico. Fabiola Savoldello

    RispondiElimina
  152. Sono d'accordo con te, Fabiola, eppure pensa che c'è chi mi ha tacciato di poco realismo....

    RispondiElimina
  153. Antonietta Davola10 marzo 2015 19:56

    Buona sera. Sono una sua lettrice ed ho letto tra tutti anche il Mostro. Forse chi parla di poco realismo si riferisce alla storia parallela dove ho trovato che i personaggi siano lontani da quelli realmente toccati dalle indagini ma, ascoltando le discussioni e le interviste, mi sembra di avere capito che sia un fatto voluto. Antonietta Davola

    RispondiElimina
  154. Cara Antonietta, lei ha colpito nel segno comprendendo davvero quale sia stata la mia posizione nel rappresentare una "verità oltre la Cassazione" Grazie

    RispondiElimina
  155. Massimo Maggiore28 marzo 2015 21:11

    Le chiederei un'opinione sul caso di Amanda chiuso in Cassazione. Ma allora quella ragazza si è suicidata?

    RispondiElimina
  156. Non posso che rispettare la legge, Massimo, credo che qualsiasi commento fatto da noi esterni ...estranei alle indagini , ai processi sia superfluo. Credo nella Magistratura, nelle Istituzioni, nella Legge non posso che accettare la Sentenza. Sarei uno stupido a dare un'opinione di pancia senza nemmeno avere avuto la possibilità di leggere una pagina dei processi. La Cassazione così ha deciso e tant'è.

    RispondiElimina
  157. A volte, benchè la Legge sia stata per tanto tempo il mio mestiere mi domando come sia possibile che certi giudizi vengano ribaltati in modo tanto netto. Credo tuttavia che la colpevolezza, soprattutto in casi simili e tanto gravi debba davvero esistere "senza ragionevole dubbio." ...quindi, se anche un solo dubbio vi sia stato, credo che la sentenz possa essere considerata...almeno logica...

    RispondiElimina
  158. Volevo fare i complimenti, perché dopo attenta lettura dei due racconti ho constatato la precisione nelle descrizioni dei dettagli di natura tecnica e questo evidenzia, senza dubbio, il buon rapporto collaborativo tra investigatore e scrittore. Bravi!

    RispondiElimina
  159. Grazie. Certo collaborare con professionisti è sempre un'ottima esperienza che per certo proseguiro'.

    RispondiElimina
  160. Renato Bongiovanni26 aprile 2015 19:48

    Ho seguito la trasmissione su radio GRP ieri sera, la ascolto sempre. Non avevo letto il suo libro ma mi avete incuriosito e provvederò a comprarlo, mi auguro ma ho capito che non sarà così di trovarmi di fronte ad un trattato. Grazie.

    RispondiElimina
  161. Buona sera Renato.No, non è un trattato ma un romanzo dove , per altro, come avrà sentito in trasmissione, attinenza dei fatti alla storia realmente accaduta è unicamente rinvenibile nei dialoghi dei personaggi. I personaggi, appunto, sono volutamente al di fuori della reale situazione. Parlando tra di loro, tuttavia, queste persone, rivivono gli accadimenti secondo quanto è di pubblico dominio. Credo di avere commesso un errore nell'inserire nel titolo quella frase "Una verità oltre la Cassazione" che ha fornito una idea troppo tecnica di un libro che tecnico assolutamente e volutamente non è...non piu' di tutti gli altri miei. Intendo dire: certamente dovizia e precisione nei particolari ma riguardo alla storia vera e popria, appunto, aspettati un romanzo non un trattato.
    Grazie per evermi scritto.

    RispondiElimina
  162. Dario de Stefanis3 luglio 2015 00:06

    Ho appena finito Vi Vedo Al Buio molto piu'bello del precedente, piu'vero e piu'libero da una storia che trovo ti abbia troppo condizionato, era come se non fosse pienamente sentito, il Mostro, cosi'come ho trovato eccessivamente presenzialista la figura del tuo collaboratore, questo mi e'parso piu'sincero e spero tu torni a Tre Bravi Ragazzi. Dario de Stefanis

    RispondiElimina
  163. Caro Dario, il dott. Saccomanno è una persona splendida che mi ha fatto l'onore di aiutarmi e collaborare con me. Per certo non è facile collaborare con personaggi di tale spessore e tanta esperienza. Vedremo come andrà questo percorso in solitaria. Grazie.

    RispondiElimina
  164. Alessandro Dimauro8 settembre 2015 22:58

    Caro Mario, eccomi con le mie impressioni sul libro.

    È ovvio che non sono in discussione le tue doti di scrittore che, per me, rimangono un dato oggettivo.

    Parto dal titolo: ti confesso che, ad un certo punto del libro (più o meno la metà), da lettore mi sono sentito ingannato; con un titolo del genere già dalle prime pagine mi sarei aspettato di entrare nel vivo della vicenda. Ed invece per buona parte del libro c’è il racconto dei “contorni”, alcuni dei quali sicuramente interessanti ma non propedeutici all’aspettativa del lettore.

    I personaggi: li ho trovati piuttosto piatti, quasi come se fossero l’esatta metà uno dell’altro con l’unica differenza che due tendevano al bene e due tendevano al male. Avrei diversificato, anche solo nel modo di parlare e di porsi alla vita ed alle relazioni tutte, le caratteristiche di ognuno di loro. Troppo simili, troppo formali, troppo educati, troppo fighetti, troppo scontati, troppo figli dell’apparenza. A dirti la verità, nessuno dei personaggi mi ha destato interesse perché figli dell’ovvio. Come ben sai, a volte, anche il cattivo della storia può essere calamita di fascino e stuzzicare le riflessioni del lettore.

    Ed invece qui abbiamo due soggetti che io non so definire in altro modo che “formali” (nel vestire, nel parlare, nel giocare…) con due donne ombra. Avrei calcato ad esempio più la mano sulla moglie del Federico, scoperta poi essere donna protagonista in negativo della storia.

    In questo contesto, per me come credo in qualsiasi lettore, è stato facile intuire che il cattivo era il Federico nel momento stesso in cui si avvertiva l’avversità dello stesso per i cani. Famiglie troppo alla mulino bianco.

    Lo scrittore: secondo me vuole accompagnare troppo per mano il lettore non lasciandogli modo di percorrere la strada del libro in maniera autonoma; troppo spesso sci si sente condotti a forza nelle considerazioni che, seppure giuste, vengono sempre anticipatamente segnalate.

    Mi sono piaciuti gli “inserti” storici, anche quelli del mondo dell’equitazione, anche se non li avrei fatti tutti dipendere dalla voce dei protagonisti.

    Spero di averti fatto cosa gradita

    Con affetto

    alessandro

    RispondiElimina
  165. Ciao Alessandro.
    Condivido le Tue puntualizzazioni ma vorrei spiegarti che la scelta di personaggi così puliti fa parte un po' di un mio marchio di fabbrica: è quella la realtà che mi piace descrivere un po' perchè è quella che a mepiace un po' perchè credo che, come dire...anche i ricchi piangano ed il Male si possa insinuare anche in coloro che siano vestiti d'oro. Mi piace l'idea che Tu abbia inteso la mia intenzione di dirottare attenzioni e sospetti verso un personaggio in base al fatto che questo fosse, per così dire, inviso alla cagnolina....sei il primo che mi abbia detto di averlo notato e, conoscendoti bene, non me ne stupisco.
    Grazie per le Tue parole e credo che ne faro' tesoro....per come potro'!

    RispondiElimina