giovedì 3 settembre 2015

La Vita è il piu' grande mistero che ci accompagni: viviamo in un mondo dove la gente muore, vive, ride, piange, soffre, gode, si ama, tradisce, cura, ferisce eppure tutto scorre giorno dopo giorno. Il malato terminale soffre l'idicibile in un letto di ospedale osservando da una finestra quel mondo del quale ha fatto parte in maniera attiva ma dovendo ora accettare di non poter mai piu' giorire per il sorgere del sole, il giungere della notte, l'arrivo dell'estate o la neve che scende copiosa. C'è poi anche chi di questi spettacoli non ha mai potuto godere per mille e mille ragioni: guerre, carestie, morti premature. Quale pensiamo possa essere il senso della Vita o, perlomeno, della nostra Vita? Chiediamocelo! Per certo non arriveremo alla risposta definitiva ma, perlomeno vivremo come esseri pensanti e, forse, saremo anche in grado di provare piu' umana pietas verso chi, solo piu' sfortunato di noi, viva tragedie immani cercando con le proprie misere forze, da piccolo uomo, di sopravvivervi.

30 commenti:

  1. Forse dovremmo vivere tutti come se ogni giorno fosse l'ultimo. Chissa', magari sarebbe un mondo migliore.

    RispondiElimina
  2. Se sono vere le immagini delle foto in cui il corpicino del bambino è stato spostato allora viviamo proprio in un mondo schifoso. Marco Cajani

    RispondiElimina
  3. Caro Marco, concordo. La morte comunque di un bimbo tanto piccolo a causa delle guerre dovrebbe farci riflettere sulla crudeltà dell'essere umano. Il fatto che il corpicino sia stato spostato non cambia le responsabilità di chi lo ha ucciso.

    RispondiElimina
  4. Ma avete visto quella fotografa cosa ha fatto? Se il diavolo esiste questo è quella donna: fare lo sgambetto ad un papa' in fuga con un bambino in braccio. L'ho trovato disumano.

    RispondiElimina
  5. Caro Federico ho pensato esattamente la stessa cosa.

    RispondiElimina
  6. Cristiano Carelli13 settembre 2015 23:22

    Fa ancora piu' effetto pensando sia una donna. Non so perchè.

    RispondiElimina
  7. Perche'tutti noi identifichiamo la donna come madre e protezione soprattutto per i bambini piccoli.

    RispondiElimina
  8. Gianfranco Massimi15 settembre 2015 19:35

    Non so voi ma io a volte mi chiedo il perchè di tanto differenti destini, ho letto il tuo primo libro, La scelta e condivido l'idea che, alla fine, questa possa ssere una vita di purgatorio per tutti noi. Gianfranco Massimi

    RispondiElimina
  9. Caro Gianfranco, intanto ti ringrazio per avere letto un mio libro. Beh...anche io mi pongo questa domanda a volte e la mia piccola risposta è proprio la medesima tua...

    RispondiElimina
  10. Non vedo spiegazione per tanta diversità di nascita e destino se non quella per cui stiamo vivendo qualcosa del quale dobbiamo scontare gli errori.

    RispondiElimina
  11. Filippo Damniotti19 settembre 2015 23:22

    Posso fare una domanda in questa discussione? Qualcuno saprebbe fornirmi una definizione plausibile di Vita eterna?

    RispondiElimina
  12. Guarda Filippo. Davvero non ne ho idea, forse come ho espresso in qualche libro, anche questa Vita potrebbe essere il proseguimento di qualcosa di gia' vissuto. Noi siamo legati ad un'idea di Vitaper molti aspetti incompatibile con l'eternità. Per certo sarebbe bello che ognuno di noi potesse provare ad essere tutto.., chissa', questo percorso potrebbe anche esistere sempre ammessa l'identità di anima corpo e spirito della persona.

    RispondiElimina
  13. La mia domanda in questa discussione è molto piu' terra a terra: mi chiedo se qualcuno possa davvero dirsi felice e soddisfatto dell'esistenza che vive, in tutto e per tutto intendo. Cos'è per voi il lavoro?

    RispondiElimina
  14. Il lavoro è la nsotra dignita'. Questo è il mio pensiero.

    RispondiElimina
  15. Quindi vuoi dire che uno che sia senza lavoro non abbia dignita'? Non sono d'accordo.

    RispondiElimina
  16. Non intendevo dir questo. Credo che la dignità di una persona sia legata a lavoro ma mi rendo conto che in molte situazioni la mancanza di esso non sia volontaria. Mi sono espresso male.

    RispondiElimina
  17. Antonietta Centoducati27 settembre 2015 19:42

    Mi chiedo quanti possano davvero affermare di essere realizzati sul lavoro, di alzarsi la mattina felici di andare in ufficio. Chi puo' dire di si è una persona fortunata.

    RispondiElimina
  18. Elisabetta Ferro29 settembre 2015 20:45

    C'è chi vive per lavorare e chi lavora per vivere.

    RispondiElimina
  19. Riccardo Moncalvo1 ottobre 2015 20:40

    E la morale quindi è che nessuno si puo' dire davvero libero.

    RispondiElimina
  20. Luca Rigazzi Foschi3 ottobre 2015 22:50

    Forse un gesto di libertà lo ha fatto oggi quel monsignore che si è liberato dihiarandosi gay ma vorrei chiedervi se pnsate sia stato un comportamento sensato. Non sarebbe stato forse meglio itirarsi senza troppo clamore senza creare un caso simile mettendo in imbarazzo tutta la Chiesa? Perchè poi quelle affermazione generiche sui sacerdoti? Mi è parso uno spettacolo di cattivissimo gusto.

    RispondiElimina
  21. Caro Luca, condivido la tua posizione. Si, sembra davvero che quella che, comunque sia, andrebbe considerata una devianza debba, di contro, diventare motivo di orgoglio. Umanamente posso pensare che, quando qualcuno abbia il coraggio di liberarsi di e da un fardello simile quasi come conseguenza necessaria di tale gesto giunga la voglia di urlarlo al mondo intero. Credo, tuttavia, che un uomo di Chiesa, almeno per rispetto ad essa, avrebbe dovuto astenersi dal mettere in piedi un baraccone simile.

    RispondiElimina
  22. Massimo Donati10 ottobre 2015 21:45

    Condivido l'idea della devianza, si non e'certo qualcosa di naturale bensi'un qualche cosa di contro natura. Per carita', se non vissuta come perversione ma con naturalezza tutti dobbiamo rispettare tutto e tutti ma non sembra giusto farne un baraccone.

    RispondiElimina
  23. Federica Giuliani18 ottobre 2015 21:43

    Chi crede dia giusto dare diritti analoghi al matrimonio alle copiie di fatto ed anche alle coppie omosessuali?

    RispondiElimina
  24. Buona sera a tutti, mi scuso anticipatamente per la latitanza ma l'ultimo libro mi sta assorbendo. Cara Federica, credo che dare gli stessi diritti....almeno alcuni, sia corretto: pensiamo alla reversibilità della pensione, al diritto di assistenza in ospedale. Se esiste vero amore tra due persone dello stesso sesso, laddove non si tirino in ballo diritti o sensibilità altrui, reputo sia anche giusto concedere uguaglianza: saro' all'antica ma non mi smuovo su matrimonio e soprattutto adozioni.

    RispondiElimina
  25. Massimo Donati22 ottobre 2015 23:23

    D'accordo su tutta la linea. Giusto permettere di avere diritti uguali anche alle coppie omosessuli ma non toccherei matrimoni e bambini.

    RispondiElimina
  26. Francesca Mitolo28 ottobre 2015 19:39

    Soprattutto i bambini anche perchè non possiamo sapere come operi il meccanismo del condizionamento: se vedono qualcosa che è comunque una devianza come normale non è detto che non ne vengano influenzati.

    RispondiElimina
  27. Stefano Roggiero31 ottobre 2015 19:14

    Anche questo è il punto: in questi tempi sembra che io' che non è naturale lo debba diventare e si debba sbandierare. Non dico ci sia da vergognarsi ma forse nemmeno da festeggiare.

    RispondiElimina
  28. Maurizio Valli3 novembre 2015 22:14

    Sono manifestazioni come il Gay pride a danneggiare prima che aiutare loro stessi che pensano di essere da queste rappresentati. Condivido che se di uguaglianza si parli non si debba sfociare in simili volgarità.

    RispondiElimina
  29. Alessia Parente30 dicembre 2015 21:46

    Penso pero' che non sia giusto parlare di adozioni. Ci sono tante coppie innamorate e regolari che non riescono ad adottare, lasciamo spazio prima a loro.

    RispondiElimina
  30. Miriam Salenne21 gennaio 2016 21:50

    Mi inserisco nella discussione per farvi presente, da lettrice di gossip, dello schifo che mi ha fatto vedere le foto del prete abbracciato al suo nuovo fidanzato.un po' di decenza!

    RispondiElimina