sabato 19 agosto 2017

Buonisti o Razzisti

Di fronte ad eventi quali quelli di Barcellona, Nizza e quanti altri ciò che mi lascia sempre maggiormente basito è la "ferma condanna da parte di tutto il mondo islamico". L'Islam è una religione, non la sola del mondo arabo, e se, davanti a stragi come quelle alle quali siamo stati costretti ad assistere, perpetrate in nome di Essa, i Suoi rappresentanti se ne chiamano fuori, forse, dovremmo accettare che sia nata una "nuova religione" alla quale gli stessi terroristi dovrebbero dare un nome. In questo modo, forse, potremmo evitare di doverci trovare di fronte alla dicotomia buonisti-razzisti. Non si tratta, infatti, ormai piu', di colore della pelle, origini e quanto altro perchè, è dimostrato come alcuni di questi pazzi siano nati, vissuti magari in Italia o, comunque, in Europa, figli di italiani o cittadini europei. Personalmente non mi ritengo "buonista" ma nemmeno "razzista", tuttavia esiste un problema di fondo: se il capo religioso e leader sprituale di una comunità la quale consti di milioni di soggetti, piuttosto che predicare la pace, l'uguaglianza e la tolleranza, bene o male che sia fatto, invochi lo sterminio dell'eretico che altro non è che colui che esprima un sentimento religioso diverso...beh i due, dieci, cento mille folli che lo seguiranno li troverà sempre. Il cancro altro non è che una o piu' cellule impazzite, fuori controllo, dentro il nostro corpo che lo divorano lentamente e subdolamente....Ora, la mia domanda è: se per sopravvivere fossimo costretti a farci amputare un braccio, forse non lo faremmo? Quell'arto ci occorre, è una parte di noi, lo abbiamo con noi sin dalla nascita ma se rischia di mangiare il nostro corpo dobbiamo accettare di tagliarlo. Ormai non si tratta piu' di razzismo ma di sopravvivenza "Così è se vi pare" ... "L'uomo dal fiore in bocca" insegna, per citare Pirandello.

2 commenti:

  1. Eppure guardando alcune foto sembrano i ragazzi della porta accanto. Mi chiedo come sia possibile che ragazzi semplici siano portati a questo

    RispondiElimina
  2. Cristiano Carelli24 agosto 2017 21:22

    Le peggiori guerre sono state combattute per la religione, non scordiamolo!

    RispondiElimina