sabato 30 agosto 2014

Perche' dico no all'adozione di bambini da parte di coppie omosessuali. Innanzitutto vorrei ricondurre il discorso e l'attenzione sul soggetto di diritto, il bambino, del quale i nostri signori giuristi sembrano essersi dimenticati: ne stiamo strumentalizzando la figura al servizio di una campagna di buonismo davvero eccessiva. Nulla contro gli omosessuali, ben inteso, a patto che accettino di vivere la propria diversità o, "uguaglianza", come la definiscono loro, nei limiti del rispetto degli altri...e quando "gli altri" in questione sono bambini, ossia soggetti di diritto che non hanno ancora la capacità di disporre autonomomante per se stessi,l'attenzione deve essere massima. Ognuno deve vivere la propria condizione, soprattutto se orgogliosamente palesata, con l'accettazione dei pro ed i contro, in particolari se tali limiti sono dettati dalla natura stessa: è già tanto difficile riuscire ad adottare pure se gli aspiranti genitori sono una coppia regolare ed innamorata allora mi chiedo perchè debba essere tanto agevolato chi, in fondo, rappresenta una coppia contro natura. E si, perchè questo è un ulteriore punto...anzi...due...: cosa sappiamo noi davvero dell'imprinting? Possiamo davvero escludere che un bambino od una bambina cresciute nella diversità inizino a viverla come normalità? E poi ancora: pensiamo che i bambini siano creature meravigliose ma che tra loro, a volte, riescono anche ad essere spietate...perchè condannare un bimbo al pubblico ludibrio dei suoi coetanei sono per egoismo? Si, perchè, credete, per me queste richieste altro non rappresentano che un profondo messaggio di egoismo. Un'ultima domanda la vorrei proprio porre a coloro che, orgogliosi e fieri di esserlo, partecipano a quelle manifestazioni oscene intitolate gay pride: ma se rivendicate la normalità della vostra condizione perchè manifestarevestiti da pagliacci...quelle scene non mi sono mia parse normali.

78 commenti:

  1. Lorenzo Pensato30 agosto 2014 23:25

    Vero.Sentenza scandalosa e ridicola. Un bambino ha bisogno di padre e madre ed e'gia'difficilissimo per noi...coppie normali adottare.

    RispondiElimina
  2. Mia moglie ed io siamo stati letteralmente scoraggiati ad adottare benche'fortemente motivati. Avremmo dato una famiglia reglare ad un bimbo e poi leggiamo che forse sarebbe meglio essere una coppia omosessuale. Davide Loturno

    RispondiElimina
  3. Giustissimo dire che i bambini tra di loro possono essere anche cattivi senza volerlo magari. Un atto di egoismo nostro puo'avere conseguenze pesanti per un innocente. ValerioPigna

    RispondiElimina
  4. Sono assolutamente sulla sua lunghezza d'onda. Credo questo sia uno dei maggiori problemi.

    RispondiElimina
  5. Sono comunque persone con dei problemi che difficilmente potranno fare crescere in serenità dei figli. Ludovico Nonnis

    RispondiElimina
  6. Si...forse il discorso è piu'complesso ma condivido la posizione secondo la quale difficilmente dei bambini potranno crescere senza problematiche.Grazie per il tuo commento

    RispondiElimina
  7. Cristiana Barberi10 settembre 2014 22:29

    Impossibile che crescano senza problematiche se non altro riguardando il sesso ed il rapporto con l'altro sesso. Parlo da psicologa quindi con cognizione di causa , non vorrei essere arrogante ma precisa e per la precisione tant'è. Grazie a Mario Catania per aver iniziato la discussione. Cristiana Barberi

    RispondiElimina
  8. Di oggi una foto che sta girando sul web di due uomini che si baciano e tengono una carrozzina in mano. Indecorosa. Luisa Servillo

    RispondiElimina
  9. Vista. Brutta scena. Concordo con quello che ha scritto Mario.... ognuno è libero di vivere la propria sessualità ma senza coinvolgere chi indifeso non può scegliere.Sabrina Ferri

    RispondiElimina
  10. Condivisione piena sull'imprinting. Non sappiamo quanto possa condizionare. Marcella Vigna

    RispondiElimina
  11. Scene fastidiose. Ludovica

    RispondiElimina
  12. Disgustose. Voltete vivere la vostra omosessualita'?Fatelo come noi viviamola nostra etero senza show. Ilaria Castello

    RispondiElimina
  13. Ferruccio baldisseri22 settembre 2014 01:08

    Ben detto! Se vogliono la normalità...per prima cosa dimostrino di sapere rinunciare a qualcosa: eccessi fuori luogo,pretese oltre la logica, dimostrazioni senza coerenza.

    RispondiElimina
  14. Cosa dire? Concordo in toto. Cercano la normalità, e questo va bene ed è logico ma lo fanno con pretese e prese di posizione anormali. Quantomeno una contraddizione.

    RispondiElimina
  15. Trovo molto appropriato l'ammonire contro le adozioni dei minori. Trovo giusto parlare di persone che non possono decidere. Condivido l'articolo. Nicola Fevani

    RispondiElimina
  16. Non giusto sottoporre alla gogna di compagni di classe magari non cattivi ma di certo maliziosi un bimbo. Giulia gastone

    RispondiElimina
  17. Costanza della Caludia28 settembre 2014 21:53

    Sono d'accordo sulla possibile cattiveria dei bambini. Abbiamo un bambino di colore e, nonostante la nostra famiglia sia molto unita, non posso per certo affermare che il ragazzo abbia vita facile. Molto spesso torna a casa triste se non addirittura in lacrime. Ma non ciamo mai pentiti, mio marito ed io della scelta fatta. Costanza Della Claudia

    RispondiElimina
  18. Cara Costanza, immagino le difficoltà ma mi auguro altresì che, con il maturare dei tuoi ragazzi, questi problemi vadano scemando.

    RispondiElimina
  19. Stefano Landoni2 ottobre 2014 21:04

    Sono un maestro di Tennis, nella mia esperienza ho avuto un ragazzo abbastanza talentuoso il quale aveva due mamme....Bene posso testimoniare come la vivesse molto male sia con gli altri che, probabimente con se stesso.

    RispondiElimina
  20. ValerioPignatta4 ottobre 2014 21:35

    Un figlio deve essere tale per natura od, almeno, avere Genitori che per natura possano essere tali. Valerio Pignatta

    RispondiElimina
  21. Buona sera Valerio. Condivido a pieno la tua posizione. Grazie per avermi scritto.

    RispondiElimina
  22. Io sono contraria anche ai matrimoni gay. Coinvolgono un sacramento ra uomo e donna e non posso accettare un matrimonio tra persone dello stesso sesso. Oltretutto poi potrebbero essere il primo passo verso l'adozione:fatto che assolutamente trovo inaccettabile.Genny Devita

    RispondiElimina
  23. Ho assistito su Fb alla discussione( permettimi se te lodico ma, hai dato le perle ai porci) con alcune ragazze circa matrimonio e adozioni gay. Una ha poi iniziato a parlare di Chiesa, Ior...un'altra ha detto che il problema lo avresti tu....Ma queste sono matte oltre che sceme...nemmeno hanno capito cosa volevi dire. Perchè non hai risposto? Volevo farlo io ma poi non mi piaceva entrare in contatto con quelle persone. Monica Fiore

    RispondiElimina
  24. Per me hai fatto bene a non rispondere, anzi hai sbagliato ad iniziare la discussione. Ti sei abbassato verso ragazzette evidentemente piene de famose bene sena una minima cognizione del discorso. Comunque sia condivido la tua posizione. Lucia Fesari

    RispondiElimina
  25. Ho risposto fino a che ho ritenuto potesse avere un senso. Si, credo siano delle fanatiche che poco hanno compreso il senso della discussione nel nome, come hai detto tu, del siamo tutti amici. Desido comunque precisarti che ho alcuni amici gay ma cio'non toglie che io continui a sostenere la illogicita'del matrimonio gay e soprattutto delle adozioni. Una mi pare abbia tirato in ballo la Chiesa e lo Ior...un'altra ha detto che ilproblema sarebbe mio:purtroppo la discussione e'trascesa.

    RispondiElimina
  26. Gustavi Aroldo13 ottobre 2014 18:58

    Beh ma è vero che il problema è nostro.Adesso essere gay è una moda,quasi un dovere.Io, però, come tutti sono nato dall'unione di un uomo ed una donna ....fatto naturale, il resto, reputo sia devianza. Aroldo Gustavi

    RispondiElimina
  27. Sono deluso dalla posizione di Berlusconi. Personalmente non posso sopportare un...una? Come luxuria. Umberto Selle

    RispondiElimina
  28. Federica Balzola19 ottobre 2014 21:36

    La trovo disgustosa..eppure fa odience.Siamo proprio alla frutta.FedericaBalzola

    RispondiElimina
  29. Rispetto tutte le persone e ho trovato tanta sensibilità, umanità e gentilezza negli omosessuali da essere arrivato ad apprezzarli di cuore ma...un ma.Quelli che ho conosciuto io, sono persone assolutamente normali senza eccessi, volgarità esternazioni assurde. Persone che vivono in tutta libertà, serenità e senza volgarità le proprie prefernze sessuali. Anche per questi amici veri voglio gridare forte...BASTA con queste pubblicizzazioni assurde di uno status che, da normale, riusciamo a fare passare per il baraccone della follia.

    RispondiElimina
  30. Federica Finelli29 ottobre 2014 19:57

    Giusta osservazione. Credo che proprio da parte di chi faccia parte di queste persone diciamo "amabilmente diverse" ci debba essere una reazione a tale e tanta commercializzazione del problema.

    RispondiElimina
  31. Leonardo Piacentini Vela1 novembre 2014 23:42

    Che vorrei sottolineare:non è un problema!Se non per chi lo vive come tale, per chi lo strumentalizza e per chi ci marcia sopra. Non credo che di tanti che ne parlano ve ne siano altrettanti che davvero lo abbiano a cuore....paradossalmente...si..io ce l'ho! Perchè ho molti amici che lo vivono come un probema: siccome voglio bene a questi amici dei quali non mi curo delle tendenze sessuali poichè sono persone assolutamente piacevoli, sensibili e quanto altro di positivo...odio con tutto il cuore gente che fa dell'omosessualità un baraccone che nulla ha a che vedere con la verità.

    RispondiElimina
  32. Caro Leonardo, condivido a trecentosessanta gradi la tua posizione. Credo sia una realta'da sempre che andrebbe affrontata senza pregiudizi ne'paure ma, io come te, odio quelle che tu, correttamente, hai definito "strumentalizzazioni"

    RispondiElimina
  33. Reputo che a nessuno di questi politici che tanto parlano del problema interessi realmente la questione piuttosto che unicamente i voti

    RispondiElimina
  34. Purtroppo e, molto a milncuore, mi trovo costretto ad ammettere che tu possa avere pienamente ragione...

    RispondiElimina
  35. Tutta demagogia, si strumentalizzano le questioni a fini politico/elettrali

    RispondiElimina
  36. Purtroppo temo tu abbia ragione. Si strumentalizza ogni situazione a fini politici ed ormai vedo poca onestà intellettuale.

    RispondiElimina
  37. Comunque c'è troppa volgarità nelle manifestazioni di "orgoglio" e questo fa male tanto agli etero che agli omosessuali. Ognuno dovrebbe vivere in pace prima di tutto con se stesso.

    RispondiElimina
  38. Augusto Mengoli25 novembre 2014 20:45

    Questo è il punto. Nessuno è infastidito dagli omosessuli ma solo da chi li vuole fare apparire come un fenomeno paranormale.

    RispondiElimina
  39. Condivido a pieno la Vostra posizione. Ognuno di noi è libero di essere ciò che è senza infastidire gli altri; d'altro canto anche esibizioni di eccessivo machismo le trovo volgari e fuori luogo nè piu' nè meno di quanto trovi fastidiose esternazioni di un "orgoglio gay" a mio avviso eccessive.

    RispondiElimina
  40. Giuseppina Germani29 novembre 2014 19:55

    Come donna posso dire che mi hai tolto le parole di bocca. Si, tanti si scagliano contro i gay ma io appuno trovo oltremodo imbarazzante l'esibizione di alcuni uomini della loro mascolinità. Reputo poi che le persone omosessuali, soprattutto uomini, abbiano una maggiore sensibilità ed a volte sono per una donna una compagnia molto piu' piacevole di un uomo. Forse è anche per questa ragione che tanti uomini si scagliano contro di loro. Giuseppina Francesca Germani

    RispondiElimina
  41. Sono d'accordo. La volgarità c'è dappertutto e non si devono creare stereotipi.Ci vorrebbe piu' "buon gusto" in tante situazioni ...

    RispondiElimina
  42. Che poi è questo il punto. Non si tratta di essere di destra o di sinistra, liberali o libertini ma di rispettarsi gli uni con gli altri senza invadere gli spazi.

    RispondiElimina
  43. E rispettando le idee altrui soprattutto senza l'uso della violenza...

    RispondiElimina
  44. Stefano Giuliani25 dicembre 2014 21:52

    Che, ritornando all'articolo, puo' essere anche psicologica e non solo fisica.Buon natale a tutti.

    RispondiElimina
  45. Senza dubbio , Stefano. Senza contare che quella psicologica puo'anche essere piu'condizionante di quella fisica.

    RispondiElimina
  46. Gennara Favalli12 gennaio 2015 21:55

    Dalla mia esperienza di maestra elementare posso affermare che anche se la società di oggi vuole farci passare come normali divorzi, separazioni, famiglie allargate e quanto altro, i bambini ne soffrono e vogliono avere un papà ed una mamma che vivano sereni in pace. Certamente coppie atipiche sono secndo me, libere di vivere in proprio la loro sessualità ma non di coinvolgere nelle loro scelte degli innocenti. Gennara Favalli

    RispondiElimina
  47. Cara Gennara condivido a pieno.Grazie per avermi scritto

    RispondiElimina
  48. Davide Essenzi24 gennaio 2015 18:15

    Rendiamo prima piu'facile l'adozione alle coppie regolari poi potremo allargare il discorso. Davide Essenzi

    RispondiElimina
  49. Per chi come me si occupa da sempre del problema delle adozioni e'assolutamente giustificabile l'atteggiamento di chi tenta di dissuadere al fine di provare a veificare una volonta'cosi'forte che non ammetta ripensamenti in futuro. Per me potrebbe essere piu'importante una volonta'cosi'radicata che il sesso della coppia. Hely Santero

    RispondiElimina
  50. In parte Ti comprendo ma continuo, tuttavia, a ritenere che, se sia proprionecessario allargare....forse sarebbe duopo farlo nei confronti di coppie regolari. Difendere tutto e tutti puo'essere molto bello da dirsi, leggersi, ascoltarsi ma occhio a non voler difende ad ogni costo posizioni "delicate"al solo fine di fare della demagogia.Non dico questa sia la Tua posizione Hely ma vorrei farTi pensare che, forse, non tutti sono cosi'umanamente motivati. Grazie.

    RispondiElimina
  51. Non volevo dire che siano da preferire coppie omosessuali a coppie regolari, solo che il calore di un fuoco domestico, anche se non proprio regolare potrebbe essere preferibile ai litigi di due genitori convinti della propria scelta. Hely

    RispondiElimina
  52. Capisco ma reputo in ogni caso che la natura non vada violata. Marco Dallasi

    RispondiElimina
  53. Anna Desideri5 marzo 2015 19:25

    Tuttavia non ritenete che sia sempre meglio privilegiare il fatto di dare una casa ed una famiglia ad un bambino sfortunato piuttosto che lasciarlo in un orfanotrofio in nome del moralismo? Anna Desideri

    RispondiElimina
  54. Cara Anna, combinazione vengo proprio dallo stesso stesso discorso affrontato con un'amica. Allora, io credo che, se obiettivamente non vi fosse richiesta o possibilità da parte di coppie etero di adottare, la Tua riflessione sarebbe assolutamente condivisibile ma, visto che, Ti assicuro, vi sono richieste e molti tentativi vani da parte di coppie ....permettimi il termine, ....regolari...Credo che, prima di allargare troppo con i conseguenti problemi già accennati, sarebbe duopo ...allargare un po' la manica alle coppie formate da uomo e donna ...come Madre Natura, per altro, insegna...

    RispondiElimina
  55. Tiziano Albini21 marzo 2015 17:37

    Vorrei , se possibile, conoscere la sua posizione riguardo alla diattriba causata dalle dichiarazioni di Dolce e Gabbana

    RispondiElimina
  56. Caro Tiziano, io sono dalla parte dei due stilisti e dico che, se da un lato possa essere condivisibile il fatto di preferire l'adozione da parte di persone che possano prendersi cura di un bambino piuttosto che lasciarlo vivere in orfanotrofio, dall'altro penso che "generarne" artificialmente allo scopo di farli vivere all'interno di un contesto contro natura sia ... egoismo. Detto ciò vorrei concludere con le parole del mio amico Jacopo Pastorino di Radio Reporter quando ha, in diretta, sullo stesso tema, a mio parere con grande equilibrio ed intelligenza, chiesto di lasciare fuori da certe discussioni i bambini che, comunque non hanno chiesto di venire al mondo.

    RispondiElimina
  57. Renato Bongiovanni1 aprile 2015 18:37

    Certo che i bambini vanno lasciati fuori ma credo che i primi a doverlo fare rispettandoli siano proprio i genitori che devono accettare se stessi e la natura non pretendendo cose che non possono essere loro date. Renato Bongiovanni

    RispondiElimina
  58. Concordo nella sostanza assolutamente con te. Grazie per avermi scritto

    RispondiElimina
  59. Valerio Pignatta9 aprile 2015 21:00

    Purtroppo nella mia esperienza di avvocato ho potuto constatare come i bambini siano strumentalizzati, quasi usati come strumento di ricatto tra i coniugi nelle cause di separazione.

    RispondiElimina
  60. Massimo Maggiori10 aprile 2015 20:49

    Una grande verità, purtroppo, che da magistrato posso vedere ogni giorno. Massimo Maggiori

    RispondiElimina
  61. Roberto Giannini13 aprile 2015 21:16

    Forse il problema sta anche nel fatto che tanti vogliono un figlio talmente da sottovalutare che prima bisogna trovare la persona giusta poi fare il figlio. Ragionando all'inverso è logico che poi l'unica cosa di valore sia il bambino mentre il matrimonio passi in secondo piano.

    RispondiElimina
  62. Credo tu abbia espresso una grande verità, caro Roberto.

    RispondiElimina
  63. Valentina Lassari16 aprile 2015 19:48

    Nella mia carriera di avvocato devo dire di avere assistito a tantissimi, purtroppo, scioglimenti di matrimoni e semre con tristezza ho vistoqueste vittime innocenti trasformarsi da vittima a merce di scambio.Oggigiorno certo comune assistere a famiglie allargate ma non si creda, per questo, che i ragazzi soffrano meno. Sapete quanti divorzi sono seguiti da psicologi e psichiatri? Una infinità.

    RispondiElimina
  64. Cara Valentina...immagino...purtroppo vedo da vicino casi di amici con situazioni complesse da gestire e certo i bambini sono le prime vittime. Grazie per avermi scritto

    RispondiElimina
  65. Clementina Galliano7 maggio 2015 21:13

    A volte subentra un odio tale verso l'altra persona per cui arrivi ad odiare anche quello che dovrebbe essere il piu' bel regalo e non desideri altro che trasformarlo nello strumento della tua vendetta. Questo purtroppo accade ma quando una donna od un uomo arrivano a tale punto reputo debbano fare qualche passo indietro e cercare aiuto. Clementina Galliano

    RispondiElimina
  66. Parole sagge, Clementina. L'odio, un po' come l'amore, acceca; purtroppo finchè causa il male di noi stessi iamo entro un limite che non dovrebbe essere ma ...tant'è . Il dramma vero è quando a delle vittime innocenti quali bambini perlopiu' in tenerissima età.

    RispondiElimina
  67. Federico Bellani25 maggio 2015 21:29

    Noi avvocati dbbiamo manterene una posizione di distacco ma alle volte risulta difficile farlo. Purtroppo capita davvero che i figli siano fatti oggetto di dispute matrimoniali o, peggio ancora, lo strumento di ricatto. Noi spesso non possiamo esimerci dal sottostare a questi giochetti perchè le richieste appaiono spesso giuridicamente corrette. Federico Bellani

    RispondiElimina
  68. Caro Federico, comprendo a pieno la difficoltà della vostra posizione.

    RispondiElimina
  69. Antonio Fabbri del Pero29 maggio 2015 23:39

    E da genitori è ancora peggio essere dalla parte del giudice piuttosto che da quella di un avvocato, almeno credo.

    RispondiElimina
  70. Piero Faletti1 giugno 2015 00:15

    A volte l'avvocato tende a somatizzare immedesimandosi eccessivamente nei panni del suo assistito mentre il giudice deve per certo mantenere un equilibrio per certi versi invidiabile.

    RispondiElimina
  71. Secondo voi, mi inserisco con una domanda nella discussione. Non ci puo' essere una sorta di imprinting? Quindi io cresco con due papà ed alla fine diventa normale andare con gli uomini?

    RispondiElimina
  72. Salvatore Salerno3 giugno 2015 19:22

    Attualmente non abbiamo modo di stabilire come e quanto l'imprinting abbia il potere di condizionare la crescita e l'educazione dei ragazzi tuttavia una certa forma di condizionamento è innegabile che vi sia oltre a possibili disagi causati da eventuali prese in giro e quanto altro da parte dei compagni di età. Di certo se pero' vi è una forma latente di tali tendenze ecco ch allora imprinting possa avere un valore di condizionamento.

    RispondiElimina
  73. Vincenzo Gandolfi4 giugno 2015 20:45

    A parere mio se non fosse tanto complicato e complesso per le coppie regolari adottare avrebbe senso parlare di adozione da parte di coppie omosessuali ma visto che la rendono quasi impossibile per quelle regolari non capisco perche' debba essere semplificata per quelle omosessuali. Vincenzo Gandolfi

    RispondiElimina
  74. Gianni Fagnino6 giugno 2015 19:17

    La ragione per la quale gli psicologi pare rendano tanto difficile l'adozione sta nella verifica di una volonta'fortissima per adottare perche'gia'e'difficile fare i genitori farlo poi di un bambino adottivo lo e'di piu'. Gianni Fagnino

    RispondiElimina
  75. Secondo voi è necessario dire ad un bambino che è stato adottato? Tiberio Lauri

    RispondiElimina
  76. Cristina Barbero29 giugno 2015 19:43

    Lo è. Qualunque psicologo o psicoterapeuta te lo confermerà.Se il problema non venisse ffrontato immediatamente nascerebbe comunque dopo e sarebbe un trauma ancora peggiore. Cristina Barbero

    RispondiElimina
  77. Ringrazio tutti voi per la pazienza nello scrivere e l'educazione nel prendere parte alla discussione. Mi continuo a scusare per la mia assenza ma a breve ritornero' piu' presente di prima. Sto terminando l'ultimo libro che dovrebbe uscire il prossimo anno.

    RispondiElimina