sabato 21 novembre 2015

Davvero con le parole dell'uomo della strada, due righe per comprendere cosa sia l'Isis perchè si parli di Stato, movimento,Califfato: quanti di noi davvero comprendono? Innanzitutto dobbiamo partire da un concetto ben chiaro: gli Arabi sono un popolo ma non una Religione ed al loro interno coesistono Musulmani, Cristiani ed anche Ebrei; i Musulmani sono divisi tra Sunniti e Sciiti e tra di essi i cosiddetti laici o gli Islamisti. La Siria è da sempre stata una "piattaforma petrolifera" di immenso valore e, dopo Assad padre, nel 2000 arriva Assad figlio il quale, nonostante cerchi di portare "innovazioni occidentali" al suo Governo ha in comune col padre il fatto di rappresentare una minoranza del popolo siriano: Assad è, infatti, Musulmano, Sciita e LAICO e vede contrapporsi a sè gli stessi Musulmani, Sciiti ISLAMICI ( esercito libero siriano e fronte islamico: comunemente definiti Opposizione)messe insieme, queste due fazioni non rappresentano che il 13% del popolo Siriano del quale un 10% sono Cristiani; dalla parte opposta, sempre in Siria, vi sono due regimi Arabo/Musulmano/Sunnita/Islamista che rispondono al nome di al Quaeda ed Isis dei quali, quest'ultima , controlla parte della Siria e gran parte dell'Iraq. Alla luce di questo non spetta a noi stabilire se si possa parlare di "Stato dell'Isis" nè possiamo noi, piccoli uomini, sapere se, da chi e come venga esso sovvenzionato certo è che....tante "ombre" sfuggono alle nostre letture. Una profezia, tuttavia, vorrei tenere per buona: quella del Colonnello Gheddafi il quale disse che, dopo di sè, sarebbe regnato il caos. Purtroppo, a mio modesto avviso, il tragico errore del Presidente Sarkozy è stato ripetuto dal suo successore poichè, se uccidere il leader Libico è stata una grave mancana di buon senso storico, l'attaccare l'ipotetico Stato dell'Isis da parte di uno Stato membro di ben due coalizioni ( Europa e Nato) senza l'appoggio di queste non è da meno.

35 commenti:

  1. Gabriele Peschiulli22 novembre 2015 19:44

    Credo comunque che l'attentato di Parigi sia particolarmente preoccupante perchè perpetrato con "armi" che qualsiasi uomo della strada si sarebbe potuto procurare, una sorta di cellula impazzita.

    RispondiElimina
  2. Forse smettessimo di vendere armi a quei popoli tutto sarebbe piu' semplice.

    RispondiElimina
  3. Federico Ferretti24 novembre 2015 19:28

    Quindi non sarebbe corretto parlare di Stato vero e proprio riguardo ll'Isis?

    RispondiElimina
  4. Buona sera. Beh, difficile esprimersi, per certo, come scritto L'Isis occupa dei territori ma al momento è fuori luogo farla ssurgere a Stato.

    RispondiElimina
  5. Valentina Forni26 novembre 2015 20:43

    Domanda: la Turchia da che parte sta?

    RispondiElimina
  6. Buona sera Valentina. Teoricamente, sulla carta, la Turchia dovrebbe appoggiare i Musulmani, Sciiti, Islamisti dell' Opposizione insieme a Usa, Francia ed Arabia Saudita

    RispondiElimina
  7. A me sembra che questa schermaglia tra Turchia e Russia sia piu' un braccio di ferro diplomatico che altro.

    RispondiElimina
  8. Francesca Confalonieri Scali28 novembre 2015 20:50

    Forse dovremmo essere un po' piu' filo sovietici anche nella situazione siriana. Non credo sia piu' troppo chiara la posizione Turca.

    RispondiElimina
  9. Dall'intervista rilasciata dal pilota russo sopravvissuto sembra che tutta la storia degli avvertimenti sia una fandonnia. A questo punto viene da pensare che fossero li' pronti ad aspettare per colpire.

    RispondiElimina
  10. Ferdinando Giachello30 novembre 2015 21:18

    Comunque nonostante quello che dicono credo che la serenità di muoverci e viaggiare ce l'abbiano tolta. Per certo le cose accadono quando nessuno se lo aspetta ma comunque fa una certa impressione vivere in uno stato di allerta simile.

    RispondiElimina
  11. Cinzia Federici1 dicembre 2015 21:59

    Le dichiarazioni odierne sull' ultimo Papa sono davvero inquietanti. Ricordo poi vi fosse anche un asorta di profezia già esistente prima dell'elezione di Francesco e le due cose fanno temere davvero.

    RispondiElimina
  12. Leandro Sanmartino2 dicembre 2015 23:42

    Qualcuno sa darmi una spiegazione a quanto è successo a NY? Parlano di terrorismo interno ma cosa significa?

    RispondiElimina
  13. Buona sera Leandro. Non so esprimerti un'opinione al momento anche perchè credo che il momento in assoluto sia troppo caldo e si rischi di dire sciocchezze tuttavia mi permetto di correggerti...il fatto è accaduto in California. Aspettiamo l'evolversi e poi ne potremo parlare con maggiore precisione.

    RispondiElimina
  14. A questo punto sembra chiaro come sia stato un attentato da parte, magari, di fanatici fuori controllo il che è ancora piu' grave ed impossibile da controllare.

    RispondiElimina
  15. Certamente criminali organizzati sono, sembra paradossale, molto piu' semplici da tenere sotto controllo. Cellule impazzite autonome credo davvero rappresentino fenomeni impossibili da monitorare.

    RispondiElimina
  16. Purtroppo è assolutamente vero e non scordiamoci anche chi vuole emulare o fare da se' solo per mania di protagonismo o follia. Questa sera i telegiornali parlavano di testate nucleari: non è questo il mondo che avrei voluto consegnare ai miei figli.

    RispondiElimina
  17. Non credo sia realistica la minaccia tuttavia è brutto pensare di vivere appesi ad un filo. Anche le profezie o cosiddette tali oggigiorno si rincorrono ma nessuna di esse è felice.

    RispondiElimina
  18. Ferdinando Giachello16 dicembre 2015 22:54

    Certamente quella che si prospetta come la terza guerra mondiale n sarà, se ci sarà, combattuta con i canoni classici ma questo è ancora piu' pericoloso perchè ci mette tutti in pericolo.

    RispondiElimina
  19. Antonella Ferri19 dicembre 2015 19:31

    Vorrei chiederevi i fronti Russo e Turco come si dividono nel atro siriano.Grazie

    RispondiElimina
  20. Buona sera Antonella, entrambi appoggiano gli Sciiti ma i Russi sono dalla parte dei laici di Assad insieme ad Iraq e Cina mentre i Turchi, con USA, Francia ed Arabia Saudita sono dalla parte dell'opposizione Islamista

    RispondiElimina
  21. Per cui dietro all'aereo potrebbero esserci altri motivi.

    RispondiElimina
  22. Difficile che certe cose accadano casualmente ma, come possiamo vedere, dopo un grande parlare la bolla si sgonfia.

    RispondiElimina
  23. Si, condivido. Davvero incredibile come si riesca a passare dal putiferio assoluto alla calma piatta.

    RispondiElimina
  24. Simona Timperi2 gennaio 2016 23:45

    Filosofeggiando, forse dobbiamo ammettere come siamo tutti delle piccole pedine di un gioco che mai sapremo come, dove, da chi viene condotto. Noi crediamo in schieramenti ed equilibri che probabilmente non sono mai esistiti nemmai esisteranno.

    RispondiElimina
  25. Certamente coloro che conoscono la verità sono quelli che vengono defiiti pazzi per quello che dicono ma, in realtà, sono solo quelli che sanno di cosa si sta parlando.

    RispondiElimina
  26. Io non ho rinunciato a vivere: viaggio, prendo treni, aerei e metropolitane ma ogni volta che salgo penso che potrebbe accadere anche a me. Ecco come ci stanno condizionando le esistenze.

    RispondiElimina
  27. Marina Balboni13 gennaio 2016 22:33

    Per esorcizzare le paure pensiamo a quelle due ragazze che si sono vistela morte in faccia sdraiate a terra con un terrorista che imbracciava un mitra che si è inceppato. Allora ragionando in questo modo possiamo pensare che ogni giorno, in macchina o a piedi rischiamo di trovare il matto. Morale: se è la nostra ora non si scappa.

    RispondiElimina
  28. Buona sera a tutti. Proprio leggendo la riflessione di Marina mi sono posto una domanda, se vogliamo un po' cavillosa. Il pensiero mi è venuto riflettendo sulla recente tragedia della montagna avvenuta a Les Deux Alpes:un professore, commettendo un errore imperdonabile ha portato dei ragazzini fuori pista e lì questi hanno trovato la morte. Ora mi chiedo: ma se quella era davvero "l'ora " di quei ragazzi perchè coinvolgere nella colpa un'uomo che mai se lo potrà perdonare? Destini incrociati senza dubbio.

    RispondiElimina
  29. Ernesto Pellegrini21 gennaio 2016 21:29

    Caro Mario, dovremmo, noi uomini di fede, avere la forza di non porci domanda ma accettare il disegno di Dio.

    RispondiElimina
  30. Padre, grazie per avermi scritto. Si, certo, un vero uomo di fede nella preghiera chiede che sia fatta la Volontà del Signore ma ha sempre un senso porsi domande.

    RispondiElimina
  31. Lorenzo Pirina4 febbraio 2016 22:19

    Lo spaventoso di questa guerra, perchè ormai è evidente che siamo in guerra è che sia uno scontro senza quartiere. In guerra esiste un codice, un'etica ma in questo tipo di battaglie no...si colpiscono donne, bambini, civili, anzi, meglio se si colpiscono civili.

    RispondiElimina
  32. Buona sera a tutti. "Riemergo" adesso che il mio ultimo libro è in stampa...titolo: "Tutto sbagliato". Che dire? Pienamente d'accordo. Le Guerre, storicamente, sono state dei mali, a volte necessari. Ci sono, tuttavia dei codici di guerra che non possono essere violati mentre in questo, chiamiamolo conflitto davvero non c'è etica.

    RispondiElimina
  33. Cristiano Carelli22 marzo 2016 22:40

    Oggi nuova tragedia. Il Papa ha parlato di terza Guerra mondiale. Pensate che la stiamo davvero combattendo davvero senza accorgercene?

    RispondiElimina
  34. Massimo Donati5 aprile 2016 23:33

    Io penso di si. Una guerra subdola e senza regole ma questa è una guerra...che forse sta facendo piu' morti di ogni altra.

    RispondiElimina
  35. Poche righe ma chiare mi hanno aperto un mondo. Grazie Mario!

    RispondiElimina